Moda hippy: tornano gli anni '70 per un'estate piena di fiori

di Alice Ziveri

La moda hippy torna alla ribalta anche per questa estate 2010: abiti ampi, fiori, zeppe e cuoio. La voglia di evasione del movimento anni ’70 si concretizza in un look pratico e colorato.

Da dove viene?

Agli inizi degli anni ’70, a partire dalla West Coast degli Stati Uniti, prende avvio quella che per la prima volta verrà definita una controcultura: un movimento di contestazione giovanile che investe ogni ambito della società, dalla politica alla letteratura, dalla musica alla moda. E’ un movimento pacifista pervaso dalla voglia di emancipazione e dal senso di comunione con tutta la natura; questo si rispecchia in scelte d’abbigliamento ecologiche ed economiche, quindi in tessuti naturali e tinture vegetali, capi di seconda mano, abiti fatti in casa. Il tutto si dipinge di fiori, che richiamano l’armonia interiore e il legame antesignano con la natura, ma anche di forme e colori psichedelici, derivanti dagli effetti visionari e allucinanti delle droghe usate, erroneamente, per  espandere la proprio coscienza. Fortemente presenti anche elementi di culture lontane, come quelle africane, indiane o sud-americane.

Hippies di oggi

Svuotata dall’ideologia e semplicemente riscoperta come ispirazione fashion, la moda hippy è ormai da qualche anno un must per l’estate, complici la freschezza dei tessuti, la praticità dei capi larghi e l’allegria delle fantasie. E’ inoltre un genere che va bene per tutte le taglie, senza penalizzare nessuno e che non richiede un particolare studio di abbinamenti, lasciando spazio ad una fantasiosa casualità.
Inoltre non comporta necessariamente un grande impegno economico, perché spesso le cose più interessanti si trovando spulciando le bancarelle dei mercatini, nei negozi di seconda mano, o meglio ancora si creano con le proprie mani e la propria immaginazione.
Indispensabili le maxi-camicie con scollo a barca, che lasciano le spalle scoperte. Ce ne sono per tutti i gusti: dalle più semplici in tinta unita a quelle decorate; a maniche lunghe, corte o a giromanica; aperte, da annodare sopra l’ombelico, con il taglio sotto il seno o con elastico in vita… e chi più ne ha, più ne metta! Spazio anche a casacche e vestiti interi.
In alternativa, vanno sempre bene t-shirt oversize da abbinare a leggings o jeans skinny, e perché no, un gilet in jeans o scamosciato. D’altronde il jeans è un elemento caratterizzante del look:  pantaloni a zampa d’elefante, shorts, giacche usurate e camicie, è un tessuto comodo e che, anche invecchiato, è sempre di stile; di ritorno quest’anno sono le indimenticabili salopette.
Altra "chicca" tipicamente hippy sono i foulard o kefiah (ormai disponibili in centinaia di colori e fantasie diverse), avvolte distrattamente al collo, e le bandane in testa.
Ai piedi, sandali dalle zeppe altissime o, al contrario, infradito rasoterra. Per chi ha le gambe lunghe e sottili, sì ai nastri da avvolgere intorno alla caviglia. E nelle giornate non troppo afose, perché non puntare sulla variante  cow-girl, indossando stivali di cuoio marroni con shorts?

Accessori

Cascate di collane lunghissime, etniche, di qualsiasi colore e preferibilmente in materiali poveri. Accumuli di bracciali tintinnanti e orecchini ad anello enormi, o lunghissimi pendenti ornati da piume, fiori, perline. Anche il simbolo nella pace, nella sua semplicità, diventa un motivo immancabile nel look hippy: orecchini, ciondoli giganteschi e stampe.
Nastri fra i capelli, legati dietro la nuca come sottilissime coroncine; occhiali da sole a goccia, lenti fumé; cinture alte in ecopelle, da stringere appena sotto il petto o appoggiare sui fianchi. Borse morbide, capienti, in tela o maglia.
Frange e trecce sono onnipresenti: sulle borse, sulle giacche, gli stivali e i sandali, fra i capelli, sulle sciarpe, ovunque.

By night

Per le serate d’estate, in cui volete essere un po’ meno estrose e un po’ più eleganti, riducete al minimo i colori, puntando su un total look preferibilmente in colori chiari, soprattutto se siete abbronzate. Un vestito intero andrà benissimo. Arricchitelo con qualche gioiello luccicante, in particolare orecchini grandi che illuminino il viso. Se avete i capelli lunghi lasciateli sciolti e naturali, provate a legare una coroncina di fili d’argento sulla fronte.
Giocate sui dettagli: un brillantino fra le sopracciglia, come un terzo occhio indiano, può essere un gioiello divertente. Oppure un piccolo tatuaggio all’henné sulla caviglia, sulla schiena, sulla mano.

Fonte per tutte le immagini: Flickr

Articoli Correlati