Festival di Venezia 2011: Bellucci fischiata e acclamata Keira Knightley

di Laura Boni

Di nuovo due donne protagoniste della terza giornata del Festival di Venezia e ancora due reazioni completamente diverse. Tutti erano incuriositi dall’annunciato nudo integrale di Monica Bellucci, ma il risultato: solo fischi alla proiezione stampa. Destino opposto per l’inglese Keira Knightely, che raccoglie un’ovazione di applausi da parte dei giornalisti con il suo film A dangerous method.

Un metodo che funziona:

Un lungo e convinto applauso del pubblico di giornalisti e critici ha accolto la proiezione in anteprima per la stampa di A dangerous method di David Cronenberg al Lido di Venezia. Gli applausi sono ripresi quando sui titoli di coda è comparso il nome del regista, che porta in concorso alla Mostra del Cinema, la storia dei due padri della psicanalisi Sigmund Freud (Viggo Mortensen) e Carl Jung (Michael Fassbender) e del loro rapporto con la paziente e poi analista Sabina Spielrein (Knightely). “Il mio cast ha avuto sicuramente bisogno di psicanalisi e sono oggi, dopo questo film, persone migliori di prima“. Così il regista canadese David Cronenberg ha scherzato, in una conferenza stampa strapiena, al cospetto di tutti i suoi attori. Per Keira è stata una bella responsabilità interpretare un personaggio di questo calibro: “Come sono riuscita a interpretare una pazza? Sono attrice, quindi evidentemente sono pazza“.

crediti foto: labiennale.org

Articoli Correlati