Ashley Tisdale svela i segreti di HSM3!

di admin

Vi siete mai chieste come mai la cattivella Sharpay Evans, sia così apprezzata dai fan di HSM? Nell’intervista che pubblichiamo oggi potete scoprire cosa ne pensa lei, di questo e di moltre altre cose che ancora non sapete su High School Musical 3 – Senior Year e sul cast che l’ha realizzato
Ecco cosa ha raccontato Ashley (in compagnia del suo adorabile barboncino Maui) sul set di Salt Lake City, che ha ospitato anche gli altri due film di High School.

D:  Sharpay cercherà ancora di ‘rubare’ Troy a Gabriella?
R: Stavolta Sharpay non si occupa tanto di Troy, anche se è vero, ha sempre avuto una cotta per lui! [ride]… In questo film  però la sua attenzione è soprattutto rivolta al fatto che qualcuno di East High riceverà una borsa di studio per frequentare un esclusivo college di arte drammatica e, ovviamente lei  intende vincere il premio a ogni costo! Ha anche una nuova amica, Tiara, che frequenta il secondo anno e diventa una specie di sua assistente. Sharpay è davvero brava a spadroneggiare!

D: Sharpay non sarebbe Sharpay senza i suoi esagerati numeri di danza e di ballo. Anche in High School Musical 3 c’è una scena paragonabile a “Bop to the Top” del primo film, o a “Fabulous” di High School Musical2?
R: La differenza fra High School Musical 3 e gli altri due film è che questa è una produzione totalmente cinematografica e quindi è senza dubbio più spettacolare, infatti Sharpay e Ryan si esibiscono in uno dei più bei numeri musicali del film, all’interno della ‘cafeteria’ ed è una scena davvero incredibile. Ci sono diversi stili di danza, infatti io ho circa cinque abiti diversi, e compaiono addirittura 500 figuranti.

D: Sharpay si comporta quasi sempre come una diva, tuttavia è uno dei personaggi più popolari di High School Musical. Come mai?
R: Perché immagino che sia sempre gratificante ‘odiare’ qualcuno. Anche io, quando guardo i reality show in TV, sono più attratta dal ‘cattivo’ di turno e i ragazzi sono sempre interessati a chi è diverso da loro. Forse tutti noi, prima o poi, incontriamo qualcuno che le somiglia.

D: Come si comportano i fan quando li incontri per strada?
R: Mi fa piacere che i ragazzi ci fermino per dirci che il nostro telefilm li ha aiutati a evadere dal loro mondo per mezz’ora, rendendoli felici. E’ una cosa fantastica.

D: A parte High School Musical , hai inciso un album di successo e stai producendo alcuni tuoi progetti personali. In che modo ritieni che il successo ti abbia cambiato?
R: Ho fatto il mio primo film all’età di 19 anni e da allora sono ovviamente cresciuta e cambiata. Tutti noi siamo cambiati. Tuttavia conduco una vita assolutamente normale, quando non lavoro. Mi piace passare il tempo con la mia famiglia, andare al cinema, a cena fuori o a fare shopping. In realtà non faccio mai nulla di particolarmente elettrizzante!! Non bevo, non fumo e non frequento locali notturni…
 
D: Chi sono i tuoi modelli nella tua vita professionale e in quella privata?
R: Sicuramente mia madre! Mi ha trasmesso tanta fiducia in me stessa, e questa è una qualità di cui si ha molto bisogno in questo mondo, in cui spesso ti senti rifiutata. Mia madre è una persona meravigliosa, in tutti i sensi. Per quanto riguarda una figura professionale alla quale mi piace ispirarmi, Kate Hudson è un’attrice che ammiro, ma poiché ho iniziato a lavorare quando ero molto giovane ho imparato le cose a modo mio e mi piace continuare a prendere le decisioni da sola, senza seguire le orme di qualcuno.

D: Alla fine di High bSchool Musical 3, Sharpay e il resto della sua classe si diplomeranno. Com’è stato quel momento nella tua vita e come ti senti all’idea di abbandonare East High?
R: Ho frequentato una scuola normalissima, e ricordo che i miei compagni alla fine dell’anno, scrissero sul libro scolastico: “Ricordati di noi quando ti daranno l’Oscar”!  Quando mi sono diplomata indossavo un mantello viola e non rosso come si vede nel film. Il rosso mi piace di più! [Ride] Cosa penso della fine della nostra esperienza in High School Musical? Penso che verseremo tutti tante lacrime. Ci siamo tanto divertiti a girare questi film e ci vogliamo un gran bene. Siamo una  famiglia. Non sarà facile lasciarsi.

D: Quale ricordo particolare legato a High School Musical porterai con te?
R: Forse le riprese di “We’re All in This Together”, del primo film. Avevamo tutti lavorato duramente e volevamo rendere la scena perfetta; ricordo il bellissimo discorso di Kenny [il regista Kenny Ortega], in cui ha detto: “I balli li conoscete a memoria, ora dovete danzare con il cuore”.   E così abbiamo fatto e siamo stati sopraffati da un sentimento molto forte.  Io e Monique [Coleman] piangevamo senza ritegno durante la scena. C’era un’atmosfera davvero intensa, che traspare sullo schermo. E’ stato indimenticabile!

Articoli Correlati