Taylor Swift racconta a Vogue: “Lover è per me un nuovo inizio”

di Giovanna Codella
taylor swift vogue

Taylor Swift è sulla copertina del numero di settembre 2019 di Vogue. Ecco cosa ha voluto condividere la superstar 29enne, che apparsa più bella che mai, con la famosa rivista.

A proposito della sua posizione politica e dei diritti LGBTQ: “Qualche tempo fa, Todrick Hall e io eravamo in auto e mi ha chiesto cosa avrei fatto se mio figlio fosse stato  gay. Il fatto che avesse bisogno di chiedermelo mi ha scioccato e mi ha fatto capire che non avevo reso la mia posizione abbastanza chiara o abbastanza forte. Se mio figlio fosse gay, sarebbe gay. Non capisco la domanda. Se se lo stava chiedendo, non riesco a immaginare cosa stessero pensando i miei fan sulla comunità LGBTQ. È stato in qualche modo devastante rendersi conto che non ero stata pubblicamente chiara al riguardo“.

Lover è il suo nuovo disco e probabilmente è anche il suo album preferito, ecco cosa rappresenta per Taylor Swift il suo ultimo lavoro: “Ci sono così tanti modi con cui questo album  per me sembra un nuovo inizio. Questo album è davvero una lettera d’amore, in tutta la sua gloria esasperante, passionale, eccitante, incantevole, orribile, tragica, meravigliosa”.

A seguito di ciò che è successo con Kim Kardashian, quando il popolo di Internet ha cercato di cancellarla, e a proposito dei social media: “Non credo che ci siano così tante persone che possono effettivamente capire cosa vuol dire avere milioni di persone che ti odiano ad alta voce , che inviano messaggi a questa persona affinché stia zitta. Io stessa mi sono reso conto che dovevo ristrutturare la mia vita perché sentivo di averne perso il controllo. Avevo bisogno di fare musica perché sapevo che era l’unico modo per sopravvivere. Era l’unico modo con cui potevo preservare la mia salute mentale“.

E voi cosa ne pensate dell’intervista di Taylor Swift per Vogue?

Articoli Correlati