Francesca Michielin – Cheyenne: audio, testo e significato

di Giovanna Codella
francesca michielin

Francesca Michielin è finalmente tornata con della nuova musica. Dopo Glorious con James Morrison, il nuovo e attesissimo singolo si intitola Cheyenne, è fuori ovunque da oggi, 15 novembre, ed è una collaborazione con il produttore discografico hip hop e trap Charlie Charles.

Scritto da Alessandro Raina, Davide Simonetta, Mahmood e Charlie Charles, è un brano romantico, nostalgico, pieno di contrasti, che nasconde un cuore synth e ballabile, incalzante con i suoi ritmi electro-pop. In questa canzone, Francesca Michielin racconta la melanconia del ricordo, che scatena emozioni quando associata alla vita. L’illusione di aver vissuto qualcosa di grande, che è poi scomparso senza lasciare traccia.

“Se fossimo Cheyenne, ma siamo solo gente. Solo gente che sbaglia, poi si chiama amore”. Cheyenne è il primo singolo del nuovo album di inediti di Francesca: un progetto unico che vedrà la luce nel 2020.

Audio 

Testo

E ripenso al weekend
quando tutte le volte
ascoltavi Stevie Wonder
in soffitta da me
qui da camera mia
vedo il tramonto ma
se ti chiamo poi litighiamo
il cielo del Marocco è spento

a che serve un weekend
se non sai dove abito
chiedi sempre di me
anche oggi che è sabato
io mi chiedo perché
stiamo parlando ma
da lontano non ci sfioriamo
il cerchio è chiuso
noi ci siamo dentro
se c’è troppo silenzio
non ti sento

lo sai che ridere che fa
partire con la pioggia
entrare in un museo
aspettando che finisca
un po’ come al liceo
con la tua mano nella tasca
sentirsi due Cheyenne
con una freccia

vorrei sapere solo se
ti scoccia e non ti manca
fumare qui con me
l’ultima sigaretta
diventerei per te
un altro continente
se fossimo Cheyenne
ma siamo solo gente

ti ricordi il weekend
dentro questa piscina
siamo niente di che
stavo meglio per strada
a parlare con te
fino alla mattina ma
da vicino non ci capiamo
il cerchio è chiuso
noi ci siamo dentro
se c’è troppo silenzio
non ti sento

lo sai che ridere che fa
partire con la pioggia
entrare in un museo
aspettando che finisca
un po’ come al liceo
con la tua mano nella tasca
sentirsi due Cheyenne
con una freccia

vorrei sapere solo se
ti scoccia e non ti manca
fumare qui con me
l’ultima sigaretta
diventerei per te
un altro continente
se fossimo Cheyenne
ma siamo solo gente

solo gente che sbaglia
e poi si chiama amore
questi tagli sul cuore
bruciano più di meduse
sulla pelle

vorrei sapere solo se
ti scoccia e non ti manca
fumare qui con me
l’ultima sigaretta
conquisterei per te
un altro continente
se fossimo Cheyenne
ma siamo solo gente

siamo solo gente

Cosa ne pensate del nuovo singolo di Francesca Michielin?

Articoli Correlati