Ermal Meta: audio e testo di Caro Antonello, dedicata a Venditti

di Alberto Muraro

Dopo le grandissime polemiche che lo hanno travolto durante la sua partecipazione a Sanremo 2018, Ermal Meta è tornato con un disco di inediti. Il cantautore di origini albanesi ha pubblicato oggi, 9 Febbraio, Non abbiamo armi, il suo nuovo disco di inediti.

Si tratta di 12 canzoni nuove e “concatenate da un legame indissolubile”, come le ha definite lo stesso Meta, ovviamente capitanate dal duetto con Fabrizio Moro, Non mi avete fatto niente.

Qui sotto trovate audio e testo di Caro Antonello di Ermal Meta.

 

Testo

Caro Antonello
è una giornata di merda
ma va tutto bene
in fondo respiro ancora
oggi con la tristezza
condivido la stanza
ma c’è un letto solo
porterò pazienza

Caro Antonello
adeso dimmi una cosa
perché una canzone spietata appare come una rosa
o ahimè una ferita che scende profonda
un fiore di cielo
con radici di terra

vedi Antonello tu apri bocca e colpisci
ma queste mie parole sono lacrime di pesci
di Roma Capoccia, di notti e di esami
non è rimasto più niente
c’hai fregati tutti
ci hanno fatto male
le tue canzoni d’amore
ma almeno mentre si canta
non si può mai morire

Caro Antonello
ti sto ascoltando adesso
e anche se mi uccidi
ti voglio bene lo stesso
ti voglio bene lo stesso
ti voglio bene lo stesso
ti voglio bene lo stesso
ti voglio bene lo stesso

amio mio
tu che solchi i mari
hai visto più raggi di sole
che onde e corsari
è buffo pensavo
a questa vita che è cara
che per averne anche solo metà
la si paga intera
hai visto il mio cuore
il mio cuore di cane
lo riconosci subito
perché è quello che morde
vedi Antonello
lei manca pure adesso
e anche se mi uccideva
io che l’amavo lo stesso
io che l’amavo lo stesso
io che l’amavo lo stesso
io che l’amavo lo stesso

io che l’amavo lo stesso
io che l’amavo lo stesso
che cosa faccio adesso?

ma evviva la vita
con il suo puzzo e sudore
e anche senza peccati
lo stesso si muore
ci hanno fatto male
le tue canzoni d’amore
ma almeno mentre si canta
non si può mai morire

e quindi nanana
e quindi nanana
e quindi nanana
e quindi nanana
e quindi nanana
e quindi nanana

la musica è finita
perché è finita la fantasia
c’è molta differenza
fra il trucco e la magia
gli occhi van lontano
molto più degli aquiloni
la musica è finita
ci restano solo le canzoni

e quindi nanana
e quindi nanana
e quindi nanana
e quindi nanana

Che ne pensate del testo di Caro Antonello di Ermal Meta?

Articoli Correlati