Elezioni 2018 – Regole: Cosa mi serve per andare a votare?

di Claudia Lisa Moeller

È la prima volta che vai a votare? O comunque sei già andato a votare, ma non ti ricordi niente e non sai se hai i documenti a posto? Allora facciamo un breve ripasso, una check list, di quello che ti serve per queste elezioni. Sia nazionali, sia regionali (in Lombardia e nel Lazio).

[smiling_video id=”32527″]

[/smiling_video]

 

  1. Un documento di riconoscimento. Valgono tutti quei documenti che indicano le vostre generalità e hanno una vostra foto. Il documento deve essere rilasciato da una Pubblica Amministrazione, perciò valgono: carta d’identità, passaporto, patente, porto d’armi, libretto della pensione, ecc.
  2. La tessera elettorale. In caso non l’abbiate ricevuta o, come me e molto più probabile, l’abbiate persa, vi basta recarvi al vostro Comune di residenza e richiederne una nuova copia all’ufficio elettorale in comune. Se vivete in città grandi, come Milano o Roma, potete richiedere il documento anche in qualsiasi sede anagrafica.La tessera elettorale non costa nulla. Bisogna, però, richiederla al comune di residenza e farsela rilasciare. Ciò avviene all’istante. Per le elezioni sono aperti in via del tutto straordinaria anche domenica 4 marzo gli uffici elettorali che rilasciano i documenti. Per tutte le informazioni del caso rivolgetevi alla pagina web del vostro comune.

Votare è gratuito. Non si paga per accedere al seggio elettorale.

Ora un paio di norme. All’interno del seggio elettorale non si fanno foto. Per nessuna ragione dovete farvi un selfie o una foto della scheda che state andando a compilare. Il voto è segreto. Pertanto vi verrà richiesto, prima di entrare nell’urna, di lasciare i telefoni cellulari e borse all’esterno. Entrate solo voi ed unicamente voi nella cabina.

Si vota solo ed esclusivamente con la matita copiativa. La matita è una matita speciale che fa sì che il voto sia indelebile. Non esiste gomma che possa cancellarlo. Perciò votate con quella e non con altri utensili da scrittura.

Si vota dalle 7 alle 23 domenica 4 marzo.

Vi lasciamo con una riflessione, mai come oggi attuale, di Giorgio Gaber dal titolo “Le elezioni”:

E tu andrai a votare a queste elezioni politiche del 4 marzo 2018?

Articoli Correlati