Björk: Utopia è il titolo del suo nuovo album, in uscita a novembre

di Alberto Muraro

Dopo le sofferenze e la rabbia di Vulnicura, disco nato dopo la rottura da Matthew Barney, la straordinaria Björk tornerà il prossimo novembre con un nuovo disco che rappresenterà la sua rinascita e il processo di risanamento di quelle stesse ferite che sembravano impossibili da chiudere.

L’artista islandese, in una recente intervista pubblicata sul suo profilo Facebook ufficiale, ha raccontato così la genesi del suo nono album, che si intitolerà Utopia e che è stato anticipato poche ore fa dal meraviglioso singolo di lancio The Gate, di cui vi abbiamo parlato qui.

Ecco come ha voluto descrivere il significato del titolo del suo nuovo album:

parla dell’essere innamorati. Passare del tempo con una persona che ti piace su tutti i livelli è ovviamente un’utopia. Voglio dire, è reale. È il momento in cui il tuo sogno diventà realtò.

 

Qui sotto trovate il video dell’intervista dove Björk rivela il titolo del suo nuovo album: che cosa vi aspettate da Utopia?

 

Testo

My healed chest wound
Transformed into a gate
Where I receive love from
Where I give love from
Where I receive love from
Where I give love from

And I care for you
Care for you
I care for you
Care for you
Care for you
Care for you
I care for you
Care for you

Split into many parts
Splattered light beams into prisms
That will reunite if you
Care for me
Care for me
If you care for me
Care for me
Care for me
And then I’ll care for you
Care for you
I care for you
Care for you
I care for you
Care for you
Care for you
Care for you

Didn’t used to be so needy
Just more broken than normal
Proud self-sufficiency
My silhouette is oval
It is a gate I can
Care for you
Care for you from

I can care for you
Care for you
I care for you
Care for you
I care for you
Care for you
I care for you
Care for you

You care for me
Care for me
Care for you

Traduzione

la ferita guarita nel mio petto
si è trasformata in un cancello
dal quale io ricevo amore
dol quale io do amore
dal quale io ricevo amore
dol quale io do amore

e io ti voglio bene
ti voglio bene
io ti voglio bene
ti voglio bene
ti voglio bene
io ti voglio bene

separata in molti pezzi
un raggio di luce che si separa in un prisma
questo si riunirà se tu
se tu mi vuoi bene
mi vuoi bene
se tu mi vuoi bene
mi vuoi bene
mi vuoi bene
e poi io ti vorrò bene
ti vorrò bene
io ti voglio bene
voglio bene
io ti voglio bene
voglio bene
voglio bene
voglio bene

una volta non ne avevo così tanto bisogno
soltanto più distrutta che mai
fiera della mia autosufficienza
la mia silhouette è ovale
è grazue ad un cancello che io
ti posso volere bene
dal quale ti posso volere bene

posso volerti bene
volerti bene
io ti voglio bene
voglio bene
io ti voglio bene
voglio bene
io ti voglio bene
voglio bene

tu mi vuoi bene
vuoi bene
io ti voglio bene

Articoli Correlati