GingerGeneration.it

Sanremo 2021: recensione e commento alla prima serata in epoca Covid

scritto da Claudia Lisa Moeller

Sanremo 2021 non è mai stato così atteso. L’ultimo evento divertente collettivo del 2020 è stata la memorabile scenata di Morgan a Bugo a Sanremo. Il video totalizzò qualche milione di visualizzazioni, tanto da essere per qualche settimana il video più visto di YouTube Italia.

Ciononostante Diodato vinse Sanremo 2020. Sarebbe dovuto andare con Fai rumore all’Eurovision. Non partì mai. Il 21 febbraio 2020 Codogno segnò l’inizio della pandemia in Italia e in Europa. Da quel giorno le nostre vite sono mutate. Così anche Diodato non partì mai per l’Eurovision che non si tenne proprio. Tanti di noi hanno visto i loro piani cambiare e ancora oggi ci dobbiamo abituare a queste restrizioni dovute al virus.

Così ecco Sanremo 2021, la 71° edizione condotta da Amadeus e Fiorello. Ritorna la coppia del pre Covid in un mondo profondamente cambiato. È davvero ancora tempo di canzonette?

Fiorello apre il Festival come se fossimo in radio, il suo elemento. Al buio. E quando la luce illumina tutto, appare Amadeus che si fa il segno della croce (aspettiamo la reazione: susciterà lo stesso sdegno che investì la D’Urso?). Amadeus entra e ricorda che il suo Sanremo è un atto di coraggio, la ripartenza, la voglia di tornare alla normalità.

Scopri la classifica dei BIG della prima serata!

Spiace vedere il teatro vuoto, nemmeno poche persone sparse in una platea immensa. Ma nemmeno la Filarmonica di Vienna per il Concerto di Capodanno ha aperto. Ma Sanremo avrebbe potuto l’impossibile? Fino a non troppe settimane fa Sanremo aveva cercato di ripartire con il pubblico, quasi ignaro delle norme italiane e fermo ancora al 2020 prima del Covid. I teatri e i cinema sono chiusi da mesi. Hanno potuto aprire Sanremo, ma il pubblico no. Avremo l’applauso come le sitcom americane: registrato e a comando. Non è una perdita, ma il segnale è così già discordante.  Non si poteva davvero nemmeno far sedere una ventina di persone in un teatro immenso?

Fiorello apre la kermesse canora in un mantello petaloso. Elogia le poltrone dell’Ariston che ora potranno godersi il Festival e non ospitare quanto Dante menzionava di Maometto al Canto XXI dell’Inferno.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ginger Generation (@gingergeneration)

 

Parte anche molto velocemente la competizione young alle 21.06. Un record di velocità per il Festival che però sarà molto lento nonostante questo inizio sprint.

Alle 21.31 finirà la competizione young e per una mezz’oretta buona sentiamo Fiorello e Amadeus cantare. Seguirà Diodato di ritorno all’Ariston come ultimo vincitore di Sanremo e rappresentante con Amadeus e Fiorello dell’ultimo momento felice del 2021. (Non è vero, è stato Morgan!)

Alle 21.51 aspettiamo che parta la competizione, ma dopo una lunga pausa pubblicitaria di 7 minuti sarà Arisa ad aprire la gara. Matilda de Angelis è la prima ospite della serata e per gran parte della serata è rilegata alla funzione di spalla. Dovremo aspettare ancora un bel po’ per sentirla recitare e cantare.

Alle 22.12 Ibrahimovic arriva sul palco dell’Ariston. Il calciatore dice ad Amadeus “di doversi sentire fortunato” per averlo qui come ospite. Ibrahimovic è l’uomo che non deve chiedere mai. Fa un po’ specie per Sanremo 2021 ospitare Ibrahimovic protagonista di una lite in campo con Lukaku poche settimane fa.

Segue una delle facce della lotta contro il Covid: Alessia, l’infermiera che si è mostrata sui social alla fine di un turno massacrante in reparto Covid. Amadeus aveva dichiarato di voler proporre un Festival di Sanremo di ripartenza e perché ricordare in mezzo alla serata il Covid? La TV generalista dovrebbe proprio fare questo: renderci sì un pochino leggeri e forse stupidini per un momento, tanto più durante una pandemia.

Nessuno dimentica cosa succede ogni giorno nei reparti, ma Sanremo 2021 avrebbe il compito di ricordarci che esiste anche la spensieratezza e una serata di sole canzonette. Tanto più se questo Festival vuole essere il simbolo di un’Italia che riparte.

Alle 23.07 Amadeus fa un appello per Zaki, lo studente egiziano incarcerato da un anno. Canta Loredana Berté. Fiorello alle 23 inoltrate ci racconta la sua visita dal podologo e il nome delle dita dei piedi: sembra di essere a “Medicina 33” in pillole DAD. Achille Lauro è ospite speciale.

La gara viene totalmente dimenticata e quasi cancellata dai tantissimi ospiti. Forse troppi. Anche la lezione sui baci ormai proibiti dal Covid sarebbe stata più indicata come copertina di apertura, ma invece è un momento tra l’attrice De Angelis e Amadeus a quasi mezzanotte.

Sanremo 2021 rimane incapace di emanciparsi dalla costante ansia a cui il Covid-19 ci ha ormai abituati da un anno. In un anno siamo diventati esperti di mascherine, di gel per le mani, di vaccini e di saturimetri. Questo Sanremo 2021 promette tanto, ma non riesce proprio ad allontanarsi dalla paura del Covid: forse l’immagine che ci resterà impressa di questa edizione sarà proprio quel carrello che porta i fiori di Sanremo. Niente contatto umano in un teatro vuoto dove risuona solo un applauso registrato.

Le pause pubblicitarie sono ormai un elenco di servizi streaming che ci ricordano perché la TV sia in profonda crisi. La serata chiude abbondantemente dopo l’una di notte.

Aspettiamo a dare un voto perché ci rendiamo conto che sia difficile, ma c’erano alternative per Sanremo 2021. Vedere gli Australian Open che hanno messo in quarantena i tennisti per mantenere un campionato normale.

E tu cosa ne pensi della prima serata di Sanremo 2021?