Il Pagante: Video di Dress Code con Tommaso Zorzi ed Enzo Miccio

di Laura Boni

Siete tutti invitati alla sfilata di “Moscerino” de Il Pagante. La band milanese ha pubblicato il video ufficiale del suo nuovo singolo Dress Code, proprio in linea con la fashion week.

Dress Code parla dei cliché esistenti nel mondo della moda e l’influenza che esercitano sui giovanissimi italiani. Il Pagante, accompagnato dal rapper Samuel Heron, passa in rassegna alcuni tra gli eventi più cool del momento, tra cui la Vogue Fashion Night Out e i party di Philipp Plein, insieme ai brand più in voga: Balenciaga, Gucci, Moschino, Stone Island, Off White. Per descrivere così l’ossessione tipica dei millennials verso i capi costosi, con il riferimento al fenomeno ormai consolidato di fashion bloggers ed aspiranti tali.

Guarda il video de Il Pagante:

Nel video di Dress Code sullo sfondo di una vera e propria sfilata, colta nella sua ritualità, vengono messi in scena i momenti più rappresentativi del mondo della moda, settore in continuo cambiamento, dove imitazione, narcisismo esasperato e grottesco trovano modo di esprimersi creando veri e propri “standard” che i giovani tendono ad applicare a se stessi.

Sulla efficace base house compaiono alcune tra le nuove icone italiane della cultura pop di questi ultimi anni tra cuiTommaso Zorzi di Riccanza, il conduttore televisivo Enzo Miccio, gli artisti hip hop Achille LauroBoss Doms e Og Eastbull, la showgirl Giulia Salemi, le blogger/influencer Clizia Incorvaia e Esmeralda Morichelli e la star di Instagram Emilife. A chiudere, perfettamente in tema “pagante”, il Milanese Imbruttito, il collettivo satirico dedicato alla popolazione milanese.

Testo di Dress Code de Il Pagante:

[Strofa 1: Eddy Veerus] Zarri anni ’90 con la mutanda di Calvin Klein
Anni che sono in sbatti per il party di Philipp Plein

Modelle escono come zombie dalla copertina di Vanity Fair
Tutti total black, ma che cazzo è?
Sembra che rubate dall’armadio di Bruce Wayne

Alla sfilata di Moschino (eeh)
C’ho stilo vestito sportivo
Mi ostino ad entrare mi guardano male
Mi balzano e giuro che faccio un casino

Sto con la stylist che dice “Stai là”
Sto nello store di Stone Island
Stonato da quattro Long Island

Come sta? Come sto?
Non lo so, sembra china

[Ritornello: Roberta Branchini] Sai, è un anno che aspetto questa fashion night
E nel guardaroba ho solo tute Off White
Alla selezione all’ingresso
Io me ne sbatto del tuo dress code

(Io me ne sbatto del tuo dress code)

[Strofa 2: Samuel Heron] Cinque, sei, sette eh
Samuel Heron mica Enzo Miccio

In mezzo a sti rapper sì come spicco
Ora va di moda e fai quello ricco
Ma poi piangi come Lenticchio (haa)

Metto l’oro tipo un faraone
Con sotto la tuta da vero cafone
Con quella maglia di Gucci tarocca
Si nu bell scarrafone (aha)

Brilli come un lampione
Sì ma non sei Lady Gaga
È papi che paga le Balenciaga
Perché alla sfilata sennò chi ti caga? (wooh)
Quelli accampati che fanno la fila

Con la tenda sì dal giorno prima
Sto giappo cinese che spende duemila
Mio nonno direbbe: “Ma andate per fig-” (aah)

[Ritornello: Roberta Branchini] Sai, è un anno che aspetto questa fashion night
E nel guardaroba ho solo tute Off White
Alla selezione all’ingresso
Io me ne sbatto del tuo dress code

(Io me ne sbatto del tuo dress code)

[Strofa 3: Federica Napoli] Oggi che mi metto non lo so
Mi guardo allo specchio e dico boh
Fuori dai locali non ci sto
Stupido dress code

Sto blog che racconta un sacco di palle
Posta la foto, due k di scialle
Dalle stelle alle stalle
Fai la brava che l’hai preso a Serravalle

Articoli Correlati