Giorgio Moroder è Liberato? La risposta al mistero su Instagram

di Alberto Muraro

Il mistero sull’identità di Liberato si infittisce. O, meglio, si arricchisce di ulteriori particolari che oseremmo definire scioccanti. Già, perchè a quanto sembra dietro al misterioso artista napoletano si nasconderebbe Giorgio Moroder, celeberrimo produttore altoatesino divenuto punto di riferimento della disco mondiale negli anni ’70 e ’80 e di recente in studio di registrazione con i Daft Punk.

Ma andiamo con ordine. Qualche settimana fa (si parla di febbraio 2017) sul web è apparso il video di un artista di cui nessuno conosce le fattezze, un tale Liberato, che è riuscito con il suo sound a portare una grossa ventata di freschezza nel panorama italiano alternative. Liberato canta in napoletano stretto e il suo genere è un misto fra r&b ed elettronica: dopo 9 maggio, il cantante pubblica Tu t’è scurdat’ e’ me, un pezzo che fa impazzire il web e lo trasforma ufficialmente in fenomeno virale.

LIBERATO - NOVE MAGGIO

Trattandosi di un progetto segreto, erano in molti a pensare che Liberato non fosse nient’altro che un troll, un po’ come successo nel caso di Cambogia o OEL. E invece, poche ore fa, è avvenuto il colpo di scena: con un video pubblicato su Instagram, Giorgio Moroder ha svelato di essere al lavoro sul nuovo progetto di Liberato o forse, se proprio vogliamo attenerci alle sue parole, di essere egli stesso Liberato.

A post shared by LIBERATO (@liberato1926) on

 

Il mistero, adesso, si infittisce: chi è Liberato? Si tratta davvero di Giorgio Moroder? Oppure il producer è semplicemente uno dei collaboratori dietro al progetto? Non ci resta che attendere i prossimi sviluppi.

Conoscevate già la storia di Liberato? Secondo voi chi è?

Articoli Correlati