David di Donatello 2017: Valerio Mastandrea Miglior Attore non Protagonista

di Federica Marcucci

Dopo una spumeggiante introduzione del presentatore della serata, Alessandro Cattelan, i David di Donatello 2017 sono entrati nel vivo. Il primo premio assegnato è quello al Miglior Attore non Protagonista vinto da Valerio Mastandrea per il film Fiore. Per l’attore è la quarta vittoria dell’ambita statuetta.

Salito sul palco Mantandrea, riferendosi in modo ironico ai 45 secondi di tempo massimo per il discorso di ringraziamento con ha esortato tutti a guardare il vestito della bella Jasmine Trinca. Per poi ringraziare il regista Claudio Giovannesi.

“Condivido il mio premio con i miei compagni di nomination”, ha detto Valerio Mastandrea, che non ha dimenticato di ricordare il giovane attore Josciua Algeri, tragicamente scomparso poco tempo fa.

Il Miglior attore non protagonista ai #David2017 è #ValerioMastandrea per #Fiore

Un post condiviso da Sky Cinema HD (@skycinemait) in data:

Fiore è anche uno dei cinque film nominati a Miglior Film ai David di Donatello 2017.

Ecco la trama di Fiore di Claudio Giovannesi:

In un carcere minorile, Daphne, detenuta per rapina, si innamora di Josh, anche lui giovane rapinatore. In carcere i maschi e le femmine non si possono incontrare e l’amore è vietato: la relazione di Daphne e Josh vive solo di sguardi da una cella all’altra, brevi conversazioni attraverso le sbarre e lettere clandestine. Il carcere non è più solo privazione della libertà ma diventa anche mancanza d’amore. FIORE è il racconto del desiderio d’amore di una ragazza adolescente e della forza di un sentimento che infrange ogni legge.

Che cosa ne pensate della vittoria di Valerio Mastandrea ai David di Donatello 2017? Avete visto anche voi Fiore, che cosa ne pensate?

Articoli Correlati