Thomas: “Con questo tour voglio dimostrare la mia crescita artistica” – INTERVISTA!

di Alessia Bisini
thomas

Abbiamo avuto il piacere di chiacchierare con Thomas, reduce dal successo del suo primo album di inediti omonimo e pronto a girare l’Italia con un tour in partenza dal Campus Industry Music di Parma il 3 marzo.

Durante la nostra intervista, il giovane cantante di Bassano del Grappa ci ha parlato di come sta affrontando le settimane di preparazione al tour, grazie al supporto della voach coach Cheryl Porter e del coreografo Etienne Jean Marie. Inoltre, Thomas ci ha raccontato come concilia scuola e lavoro, con chi gli piacerebbe duettare in futuro e cosa si aspetta da questo 2018 da un punto di vista personale e artistico.

Ciao Thomas! Come stai vivendo queste settimane che porteranno verso il tuo primo tour? 

Sono pieno di adrenalina e tanto determinato a dare il massimo. Adrenalina e determinazione penso che siano proprio le due parole che possano descrivere meglio il mio stato d’animo in questo momento. Sono anche estremamente felice, perchè il “live” è un aspetto che ho sempre avuto a cuore curare, di conseguenza sono entusiasta di poter presentare la mia visione di show al pubblico.

Come stanno andando le prove in queste settimane? Ho visto che stai lavorando anche con Cheryl Porter, che tu già conoscevi grazie alla tua esperienza ad Io Canto su Canale 5. Ti seguo su Instagram e vedo che stai lavorando veramente sodo!

Cheryl Porter ha iniziato a seguirmi come vocal coach prima di Io Canto, poi è arrivata la bellissima opportunità di poter continuare a lavorare con lei anche durante il programma televisivo. Stiamo facendo delle lezioni insieme e penso che lei sia una donna meravigliosa, ti da tanta carica ed energia positiva. Mi sta aiutando a tirar fuori la mia voce e un bel po’ di colori interessanti. 

Ci saranno dei cambiamenti rispetto ai concerti di Roma e Milano dello scorso novembre?

L’impronta del tour sarà sempre quella già presentata nelle due date precedenti. Pertanto canterò tutti gli inediti del mio album Thomas, quelli presenti nell’EP Oggi Più Che Mai e qualche cover. La differenza la faranno alcuni momenti in particolare e la maturazione artistica su cui ho lavorato tantissimo in questi mesi. Spero di essere riuscito a concretizzare il mio lavoro, perchè mi sono preparato veramente tanto e voglio dare il massimo per tutte le persone che mi seguono.

Cosa speri che ti porti questo 2018 personalmente e professionalmente? C’è qualcosa in cui speri di poter migliorare?

Spero di continuare a crescere e scoprire tanti altri nuovi lati di quello che è la mia personalità artistica, di migliorare nella scrittura, nel modo di cantare, ballare etc. Per me è fondamentale. Penso solo a provare, esplorare, mettermi in gioco il più possibile. Spero che la mia musica possa entrare nel cuore di più gente possibile, vorrei farmi conoscere e far conoscere i miei brani. 

Non è poco, anzi! Senza dubbio è un obiettivo importante! Hai già incominciato a pensare anche ad un possibile nuovo album di inediti? 

Continuo sempre ad ascoltare tanta musica, a confrontarmi e provare a scrivere il più possibile. Per il momento non si parla ancora di album, tuttavia ci saranno alcune sorpresine. 

Facciamo un salto indietro nel tempo, dove tutto è iniziato: Amici di Maria De Filippi. Lo stai seguendo quest anno nonostante i numerosi impegni? Se sì, c’è qualche concorrente che ti piace particolarmente? 

Ogni tanto mi piace dare un’occhiata e vedere quei ragazzi che, esattamente come me un anno fa, hanno tanta voglia di imparare, e sprimersi, cantare davanti ad un pubblico. Purtroppo acausa dei miei impegni faccio fatica a seguire il programma. Ad oggi mi divido tra le prove per il tour e la mattina vado a scuola.

E la scuola? Come va? 

Va bene! [ride ndr] Ho ripreso gli studi in un liceo linguistico privato. Concilio studio e lavoro.

Come ti trovi a bilanciare le due cose? Non dev’essere per niente facile. 

In realtà me la cavo. Ho trovato un ambiente molto bello, sono tutti molto gentili e disponibili. Fino ad ora devo dire che ho avuto un buon riscontro. 

Come in ogni nostra intervista, io ho un po’ di domande da parte dei tuoi fans! Ti chiedono: Cosa hai pensato di primo acchito quando sei salito sul palco dei tuoi due primi concerti? 

Ho pensato: Oh mio Dio! [ride ndr]. Vedere tutto il pubblico radunato di fronte al palco dove ti stai esibendo per esprimere la tua essenza è qualcosa di incredibile. Speri sempre di poter regalare ai tuoi fans dei momenti che li accompagneranno per il resto della loro vita e basta anche un piccolo dettaglio nel concerto per fare la differenza. Devo dire che ho avuto un buonissimo riscontro dopo i miei primi due live. L’emozione era tantissima ma era positiva, perchè quando salgo sul palco ho voglia di cantare, ballare, saltare e divertirmi. 

Come hai reagito la prima volta che ti hanno fermato per una foto o un autografo? 

Ero un po’ stranito. Sarà che sono sempre stato imbranato con le parole, ma subito non sapevo cosa dire. Da un lato ero felice e da un lato ero stupito. Mi ricordo ancora che la situazione mi aveva fatto sorridere, è stato molto emozionante. 

C’è un artista italiano in particolare con cui ti piacerebbe fare un duetto, magari per il tuo prossimo disco? 

Di artisti italiani con cui mi piacerebbe confrontarmi ce ne sono veramente tantissimi. Sognando in grande direi Tiziano Ferro o Giorgia, però sono veramente grandissimi artisti. Io sono giovane e so che ho ancora tanta strada da fare. 

Se potessi cantare una canzone con Michael Jackson, quale canteresti e perchè? 

Oddio! Ad essere completamente sincero, più che cantare una canzone con lui, vorrei poterlo vedere live. Ho una tale stima e rispetto per l’artista che penso non riuscirei nemmeno a dire una parola. Avrà avuto un’aurea dorata, magica intorno a lui. Mi sarebbe piaciuto tantissimo vederlo live, più che altro per provare le stesse grandi emozioni che ha regalato a tanta gente. 

Ti saresti mai aspettato di diventare un punto di riferimento per grandi e piccini? Sei molto apprezzato dal pubblico adolescenziale, ma anche da tanti adulti che riconoscono il tuo talento al pari dei figli.

Ho avuto un buon riscontro anche da parte dei genitori e la parte più bella è stata quando mi hanno definito un modello da seguire. Mi sento molto onorato e spero di poter rispettare questo ruolo al meglio al meglio.

Le date del Thomas Live Tour 2018  sono le seguenti:

3 marzo Parma, Campus Industry Music

4 marzo Torino, Hiroshima Mon Amour

10 marzo Bassano Del Grappa, Liv

17 marzo Firenze, Viper Theatre

18 marzo Brescia, Dis_Play Brixia Forum

23 marzo Modugno (Ba), Demodè

24 marzo Napoli, Casa della Musica – Federico I

 

Andrete a vedere Thomas in concerto quest anno? 

Articoli Correlati