The End of the F***ing World: la recensione dell’episodio 1×02

di Alberto Muraro

The End of the F***ing World è senza ombra di dubbio una delle serie di Netflix più promettenti del 2018. Il serial britannico, ispirato dalla serie di fumetti The End of the Fucking World di Charles S. Forsman, è disponibile sulla piattaforma di streaming in italiano dallo scorso 5 gennaio ed è già diventata un piccolo cult.

I due protagonisti assoluti di The End of the F***ing World sono Alex Lawther e Jessica Barden, gli interpreti rispettivamente dei personaggi di James e Alyssa. La loro rocambolesca avventura, condita da un irresistibile colonna sonora indie rock, mescola alla perfezione commedia, thriller e gusto per l’assurdo, un mix esplosivo che lascia allo spettatore un sentimento misto fra divertimento e sbigottimento. Qui sotto trovate la recensione del pilot di The End of the F***ing World, l’episodio 1×01!

Clicca qui per leggere il nostro speciale su The End of the F***ing World!

Clicca qui per leggere la trama dell’episodio 1×02 di The End of the F***ing World!

 

 

Recensione

Dopo un inizio davvero scoppiettante, la seconda puntata di The End of the F***ing World abbassa leggermente l’asticella con una trama non particolarmente originale o brillante e la mancanza delle battute memorabili del pilot. Nonostante si tratti evidentemente di un prodotto originale e sperimentale, la 1×02 delude forse un pochino le aspettative di chi si sarebbe aspettato gli stessi deliri visti nelle prime scene.

Di positivo, in ogni caso, c’è la scelta di trattare una tematica delicata come gli abusi sessuali con la dovuta leggerezza, senza banalizzarlo, come spesso accade in molte produzioni cinematografiche, ma quasi burlandosene. La scelta è di certo di grande impatto e farà molto discutere, non c’è dubbio a riguardo.

Avete visto anche voi la prima puntata di 1×01 di The End of the F***ing World?

Articoli Correlati