Salone Internazionale del Libro, una fiera annuale dedicata alla lettura di ogni tipo

di admin

Dopo cinque giorni in cui i visitatori si sono immersi nella più totale enfasi della lettura e dei libri, si chiude oggi la 28esima edizione del Salone Internazionale del libro, svolto come ogni anno al centro congressi Lingotto Fiere di Torino.

Sono stati cinque giorni (dal 14 al 18 maggio) interamente dedicati al mondo dell’editoria, all’interno di una fiera che propone 51.000 m2 di spazio espositivo per tutte le case editrici di ogni tipo che vogliono esporre i propri libri, attirando più di 300.000 partecipanti all’anno. Ogni edizione del Salone si svolge proponendo un tema: nel 2005 il tema proposto è stato il sogno, lo scorso anno il Bene, quest’anno, invece, il filo conduttore della Fiera è le Meraviglie d’Italia, tema in linea, d’altronde, con l’esposizione mondiale dell’Expo.

11080330_1083281728367162_2215676386064404989_o

Il Salone internazionale del libro, però, è davvero un vero e proprio appuntamento per scrittori famosi, per quelli emergenti e per tutti gli appassionati del mondo della lettura. La fiera torinese propone infatti, ogni anno, un vasto e interessante programma, diviso per giorni, in cui sono previsti incontri con le scuole, workshop, letture di libri, laboratori e incontri con autori.

11218250_1082503981778270_3011803620349845734_o

 

Per concludere in bellezza il Salone del libro 2015, domenica sera sono stati invitati, tra i tanti, i famosi autori di Avrò cura di teMassimo Gramellini e Chiara Gamberale. I due hanno presentato le vicende e i quesiti dell’infelicità di Gioconda (protagonista del libro) che scopre parti profonde di se stessa grazie ad un rapporto epistolare con il suo angelo custode. E come la presentazione di Avrò cura di te, tantissime altre presentazioni e anteprime di romanzi sono state le colonne portanti dell’intera fiera.

11146640_1082503518444983_1554032462063663027_o

In conclusione, il Salone del libro è un’ottica occasione, da soli o con gli amici, per trascorrere una giornata diversa e divertente, all’insegna della letteratura, per ogni gusto e ogni tipo di aspettativa nel mondo dell’editoria. Per numero di espositori è la seconda fiera del libro in Europa dopo la Buchmesse di Francoforte ma per numero di visitatori, dal 2006, il Salone torinese vanta il primo posto. Si possono passare, dunque, ore in allegria, tra anteprime letterarie e appuntamenti con autori, nella più importante manifestazione italiana in questo settore senza neanche rendersene conto. Per chi non ha avuto tempo quest’anno di visitare il Salone, non aspetti altro tempo per metterlo in agenda per maggio 2016.

Che ne pensate del Salone del Libro di Torino?