Marco Carta è innoncente! il giudice non convalida lʼarresto per furto

di Laura Valli
marco carta

Come vi abbiamo già detto, Marco Carta è stato arrestato venerdì sera per furto aggravato alla Rinascente di piazza Duomo a Milano.

Sabato è stato giudicato con un processo per direttissima, e il giudice non ha convalidato l’arresto, ritenendolo estraneo ai fatti.

Dal dibattimento sarebbe emersa un’altra verità. L’accusa sarebbe frutto di un grande equivoco, che ha procurato a Marco Carta una brutta esperienza.

Marco Carta è stato coinvolto in una vicenda di cui non era il responsabile. “È stata chiarita la totale estraneità di Marco Carta e non ha applicato nessuna misura cautelare” ha spiegato il suo avvocato.

Dopo essere stato fermato dall’addetto all’accoglienza, era confinato ai domiciliari, così come una donna di 53 anni che si trovava con lui.

Il fatto è da attribuibile ad altri soggetti, lui è totalmente estraneo, è stato acclarato dal giudice. Marco è una bravissima persona“, ha aggiunto il suo avvocato Simone Giordano.

MARCO CARTA: “NON SONO STATO IO, FELICE DI POTERLO DIRE”

Al termine dell’udienza in tribunale a Milano il cantante ha commentato: “Non sono stato io a rubare, per fortuna è andato tutto bene, sono felice di poterlo dire”… “Le magliette non ce le ho io, l’hanno visto tutti. Ora sono un po’ scosso”, ha confessato il cantante. “Chi li ha rubate? Non mi va di dirlo“, ha conclusio.

Qui di seguito trovate un messaggio d’incoraggiamento che i fan di Marco Carta hanno voluto inviargli!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Non avevamo dubbi. ❤ #sempreconte #marcocarta #Worldpaper #lavitaèunsassolinochetengoinunamano

Un post condiviso da La vita è un sassolino (@marco_carta_fan) in data:

Articoli Correlati