Lorenzo Jovanotti – Oh Vita: Navigare – Audio, testo e significato

di Alberto Muraro
lorenzo jovanotti oh vita

Lorenzo Jovanotti ha finalmente pubblicato Oh,Vita, il suo quattordicesimo album uscito in tutti i negozi lo scorso 1 dicembre. L’album, prodotto interamente da Rick Rubin, rappresenta una bella svolta sonora per l’artista, che per stavolta ha abbandonato l’electro pop per abbracciare il funky e l’hip hop.

Qui sotto trovate audio, testo e significato di Navigare, uno dei pezzi contenuti in Oh,Vita!

Il cantautore Lorenzo Cherubini alle prese con una linea melodica sinuosa e un sound da cinema, che si collega alla scuola delle colonne sonore italiane, amate alla follia da Rick Rubin, che quando ha sentito il demo di questo pezzo, che era fatto solo con una chitarra, ha guidato la produzione verso una zona pi ù avventurosa, una navigazione a vista. Non è un pezzo consolatorio, è l’emozione di un uomo adulto, che non si arrende, un marinaio di città e, come succede nelle canzoni, più ci si allontana e più si è autobiografic

Testo di Navigare di Lorenzo Jovanotti:

Mi fa rabbia vedere tutto questo spreco
di tempo a inseguire un ordine che non c’è
Ognuno che accusa gli altri di errori che vorrebbe commettere da sé
Resta sempre una distanza incolmabile tra l’orizzonte e la vita
la bocca serve per baciare parlare respirare
Non è una ferita
Da quando non ho più una madre che mi perdona
non voglio più essere perdonato
sentirmi dalla parte del giusto non è il traguardo che mi ero prefissato
Ho visto troppa ingiustizia palese
Spacciata per inesorabile destino
E se il passato non si può cancellare almeno
Si può abbracciare il mattino
Rassegnarsi allo sport nazionale
Non è che manchino le ragioni ma
Se diventa un modo per stare al mondo
Allora meglio le illusioni
Sento di essere qui più o meno
Come un fiore come un arcobaleno
E a volte basta un sguardo di amicizia sincera
Per toccare il cielo

Tutto scorre lentamente
Come un fiume verso il mare
Navigare
Puoi sfidare la corrente
Puoi desistere o tentare
Di navigare

Tra un senso di colpa una richiesta di aiuto
Tra una parola gridata e un segreto taciuto
Un bacio ghiacciato un regalo incartato
E dimenticato
Poi arriva il messaggio temuto
O quello desiderano
E non fa differenza alla fine
Non lo hai neanche ascoltato
La paura di svelare qualcosa di te
Che non hai mai accettato
Hai costruito un castello di parole
e ti ci sei chiusa a chiave
e giudichi gli altri per le loro pagliuzze negli occhi
mentre tu hai una trave è una zattera quella che ti posso offrire
ma tu volevi una nave

tutto scorre lentamente
Come un fiume verso il mare
Navigare
Puoi sfidare la corrente
Puoi desistere o tentare
Di navigare
navigare
tutti qui è spettacolare
navigare navigare navigare

 

Che ne pensate di Navigare di Lorenzo Jovanotti?

Articoli Correlati