Hai un cellulare che non usi?

di admin

I cellulari, al pari degli indumenti e delle scarpe, sono gli accessori che vengono sostituiti con maggiore frequenza: secondo le ultime ricerche circa un europeo su quattro (27%) sostituisce il telefonino ogni anno, mentre sono circa il 60% gli europei pronti a comprare un telefonino allo scoccare del suo secondo anno di vita.

Il desiderio di avere un telefonino sempre alla “moda” non corrisponde però alla volontà di proteggere l’ambiente, in quanto su oltre 100 milioni di telefonini venduti in Europa ogni anno
ne vengono riciclati solo 2,5 milioni.

Un comportamento poco responsabile, in quanto alcuni componenti utilizzati per la costruzione

dei telefoni cellulari sono dannosi per l’ambiente perché contengono metalli pesanti come piombo, mercurio, cadmio, cromo e anche plastiche di vario genere spesso trattate con ritardanti di fiamma bromurati.

Il progetto Donphane ha quindi pensato di proporre ai cittadini lombardi un piccolo gesto che, attraverso la donazione di un telefono cellulare usato, contribuisce alla salvaguardia dell’ambiente ed alla costruzione di una nuova struttura d’accoglienza per donne con bambini in difficoltà.

Cosa Fare

Il Consorzio Farsi Prossimo, la Caritas Ambrosiana e la Coop Lombardia promuovono sperimentalmente il recupero dei telefoni cellulari usati attraverso:

  • installazione contenitori per la raccolta pressoParrocchie ed Oratori della Diocesi di Milano

  • installazione contenitori per la raccolta presso i 10 Ipermercati Coop Lombardia

  • installazione contenitori per la raccolta pressoedifici pubblici e scuole nei comuni aderenti all’iniziativa

  • campagna di sensibilizzazione finalizzata alla donazione dei telefoni cellulari usati

I cittadini residenti in Diocesi di Milano ed i clienti di Coop Lombardia potranno donare il proprio cellulare usato completo di eventuali accessori depositandolo all’interno dei contenitori; la Coop.

Sociale Vesti Solidale promossa dalla Caritas Ambrosiana provvederà al ritiro dei telefoni cellulari

e li conferirà alla Prima Tech Service una società che provvederà, in collaborazione con un partner

europeo, a ricondizionare e ricommercializzare i prodotti perfettamente funzionanti, utilizzando anche personale svantaggiato.

Tutti i prodotti che invece non potranno essere ricommercializzati verranno correttamente gestiti come rifiuti in Europa ed opportunamente lavorati per ottimizzare il recupero di materiali in essi
contenuti.

Gli obiettivi del progetto

  • Campagna di sensibilizzazione effettuata in via sperimentale nella Diocesi di Milano al fine di promuovere il recupero dei telefoni cellulari usati

  • Creazione di nuovi posti di lavoro per persone provenienti da diverse aree del disagio sociale che verrebbero coinvolte nel servizio di raccolta, selezione e recupero del materiale raccolto.

  • Diminuzione del materiale destinato alla discarica attuando un efficace sistema di raccolta e gestione dei telefoni cellulari usati finalizzato al riutilizzo

  • Disponibilità di risorse economiche per la realizzazione di progetti di assistenza a persone in difficoltà in Lombardia grazie alla valorizzazione dei telefonini raccolti. Nello specifico parte dei proventi derivanti da questa iniziativa verrà utilizziata per finanziare la costruzione di una nuova struttura d’accoglienza per donne con bambini in difficoltà (sia italiane che straniere) sul territorio del Comune di Milano.

  • Diffusione di modelli di consumo ecocompatibili.

La tutela dell’ambiente attraverso la creazione di nuova occupazione per fasce deboli di popolazione italiana e straniera è la sfida che il Consorzio Farsi Prossimo attraverso la Cooperativa Sociale Vesti Solidale ha deciso di raccogliere. Il valore aggiunto di questo progetto è quello di innescare un circolo virtuoso che consenta a chi vive ai margini della società di riscattarsi e recuperare dignità attraverso un’attività lavorativa al servizio della collettività, capace di generare risorse economiche che vengono poi investite in servizi alla persona che mirano ad arginare le nuove povertà.

Per informazioni numero verde 800249467 o visita il sito www.vestisolidale.it

Articoli Correlati