In Italia potrebbe tornare la leva obbligatoria militare?

di Claudia Lisa Moeller

Tornerà la leva militare in Italia? Probabilmente no, ma è curioso cosa il Primo Ministro francese Macron ha promesso di fare in Francia.

In un paese come la Francia, dove la leva obbligatoria è stata eliminata per tutti coloro nati dopo il 1976, si sta parlando di reintrodurre la naja. La leva obbligatoria, ovvero un servizio obbligatorio di qualche mese (ma sul punto il presidente francese non è molto chiaro) per i giovanissimi. Appena compiuti i 18 anni maschi e femmine dovranno partire per le caserme sparse per il paese e servire lo Stato.

L’idea è probabilmente legata alla disoccupazione giovanile nel Paese d’Oltralpe: se l’Italia naviga sul 30%, la Francia si attesta attorno al 24%. Come combattere, quindi, la disoccupazione? Con un’abile mossa come la reintroduzione della leva, per il momento solo prefigurata e paventata ai giovani francesi. Davvero i diciottenni francesi a breve dovranno provare paura ed angoscia nell’attendere la famigerata cartolina? I neomaggiorenni francesi apriranno con paura la cassetta postale sperando di non trovare la convocazione ufficiale alle armi?

Ancora non si sa con certezza, eppure Macron ha ribadito che lui ha tutta l’intenzione di ripristinare la leva. Come aveva annunciato e promesso nella sua campagna elettorale.

E soprattutto questa possibilità di reintegro della leva potrebbe essere anche appoggiata e adottata in Italia? Per il momento non c’è da temere. In questi mesi e nelle varie promesse elettorali non è mai stata nemmeno menzionata la possibilità che la leva potrebbe tornare in Italia. L’unico ad averla buttata lì è il leader leghista Salvini che ha parlato di reintrodurre la leva obbligatoria per combattere il terrorismo. Come e quanto dovrebbe durare la naja non si sa. Sarebbe per lo meno curioso, infine, che proprio un governo con Berlusconi reintroduca quanto aveva abolito nel 2005. Fu proprio sotto Berlusconi che avvenne l’abolizione del servizio militare obbligatorio: sarà sempre un governo di centrodestra a ridarle vita?

Certo è che la soluzione di Macron è un’abile mossa retorica statistica e politica. Da un lato si combatte il terrorismo impiegando la fascia più giovane disoccupata, dall’altro aumentano i militari e possibili giovani donne e uomini impiegati nella protezione del paese. Quale migliore mossa?

Al momento non è dato sapere cosa accadrà in Francia davvero e staremo a vedere se davvero la naja diventerà realtà. Sicuramente è da notare che tanto più i giovani si disinteressano di politica, tanto più rischiano di ritrovarsi arruolati appena compiuti i 18 anni.

E tu cosa ne pensi del possibile reintegro della leva obbligatoria in Italia?