PewDiePie licenziato dalla Disney per razzismo: ecco cosa è successo!

di Claudia Lisa Moeller

PewDiePie è uno dei volti più famosi di Youtube. Per intenderci è lo youtuber con più iscritti al suo canale al mondo. Qualcosa come 53 milioni di iscritti. In pochi anni, da quando ha aperto il suo canale, lo svedese più famoso della rete è stata una stella in ascesa. Non sono mancate collaborazioni con marchi importanti. Uno su tutti il marchio più famoso al mondo della fantasia: Disney.

Tutto bene? No. Nei giorni scorsi PewDiePie ha caricato un video che ha fatto molto discutere. Infatti nel video in questione lo svedese aveva scoperto un sito che per $ 5 fanno tutto. Potete mandare qualsiasi ordine e chi dall’altra parte accetta i soldi farà tutto quello che volete. Il web era partito dai front per il web, poi si era espanso nel realizzare momenti divertenti. PewDiePie quindi ha deciso di chiedere ordini assurdi. Come chiedere grafici matematici a forma di parti anatomiche o fare registrare ad un attore nei panni di Gesù Cristo un video messaggio pubblicitario. Lo scandalo, però, è nato da un particolare ordine che lo youtuber ha inoltrato.

White

Un post condiviso da PewDiePie (@pewdiepie) in data:

PewDiePie ha chiesto di scrivere un messaggio antisemita per $ 5 ad un gruppo che prometteva di scriversi addosso di tutto. I giovanotti per $ 5 l’hanno anche fatto e ridendo hanno aperto davanti alla telecamera il messaggio razzist dello youtuber..

Lo scandinavo, mentre assisteva alla lettura del messaggio, è rimasto sbalordito lui in primis. Ha anche detto che era sicuro che il messaggio non lo avrebbero mai scritto. Imbarazzato ha chiesto scusa, ma le sue spiegazioni non sono bastate alla Disney. La compagnia americana ha deciso di recidere il contratto con lo youtuber.

PewDiePie è antisemita? Probabilmente no. Il suo intento era dimostrare come un sito del genere è una piattaforma dove chiunque per $ 5 fa le cose più stupide, offensive ed idiote. Basti pensare che PewDiePie ha chiesto ad una ragazza che si diceva “disposta a tutto” a bere delle candeggina. Dobbiamo intenderlo come un’istigazione all’omicidio?

Forse in questo caso, tanto più che lo youtuber in primis si dice sconvolto per quello che ha visto, avrebbe dovuto non caricare proprio il video. Magari avrebbe dovuto tagliare la parte in questione. Per alcuni siti avrebbe già cancellato un pezzo, in cui altri insulti antisemiti venivano pronunciati.  L’intento dello youtuber di dimostrare l’assurdità della piattaforma in questione è stato mal interpretato. Sulla sua pagina Tumblr ha chiarito quale era la natura del video e le sue intenzioni. Ha specificato che non ha alcuna simpatia per movimenti antisemiti o nazisti.

Non è la prima volta che PewDiePie indaga nel web e ne esce fuori con risultati dal dubbio gusto. Una volta aveva, per esempio, recensito un gioco giapponese, dove si vinceva quante più ragazzine venivano molestate.

E tu cosa ne pensi della vicenda di PewDiePie? Ha fatto bene la Disney a rescindere il contratto con lui?

Articoli Correlati