La dieta perfetta? Pensare ai cibi preferiti

di Laura Boni

Quante volte ce lo siamo sentite dire: quando siamo in dieta bisogna evitare di pensare ai cibi di cui siamo più golosi…invece potrebbe non essere così! Secondo uno studio pubblicato su Science, immaginare di mangiare un determinato cibo ne fà effettivamente mangiare meno. Per arivare a questa singolare teoria è stato chiesto ad alcuni volontari di pensare di cibarsi di trenta cioccolatino uno dopo l’altro. A un secondo gruppo, invece, è stato chiesto di immaginare qualcosa completamente avulso dal cibo, come inserire trenta volte una monetina in una lavatrice a gettoni. Poi si è passati alla parte pratica: è stata data la possibilità a tutti di mangiare cioccolato a volontà. Chi aveva pensato al cioccolato, ne aveva mangiato di meno; dimostrando così, che c’era stato un processo di assuefazione mentale allo stimolo.

Parola di scienziati:

Secondo Joachim Vosgerau, della Carnegie Mellon University di Pittsbourgh, Pensylvania, è il primo studio che smentisce la pratica dietologica più diffusa e, cioè, che per dimagrire bisogna evitare di pensare all’oggetto del desiderio. La teoria di Vosgerau e colleghi sarebbe che il solo pensiero sarebbe sufficiente a sostituire l’intera esperienza sensoriale e diminuire la voglia del nostro cibo preferito. Sembrerebbe un pò la stessa utilizzata dai Bimbi Sperduti di Peter Pan nel famoso film Hook – Capitan Uncino, che in mancanza di alimenti si immaginavano una tavola imbandita. Cosa ne pensate? Pensare al cioccolato ci farà venire meno voglia di mangiarlo?