GingerGeneration.it

Mr.Rain- Intervista: “Ddedico I grandi non piangono mai a mia madre!” (VIDEO!)

scritto da Alberto Muraro

Mr.Rain ha tutte le carte in regola per diventare un teen idol: è un bel ragazzo, ha un sorriso dolce, e nonostante sia grande e grosso ha di persona l’aria da timidone e da ragazzo della porta accanto. Di lui sappiamo che è stato qualche tempo fa in lotta con la produzione di X Factor e che qualche tempo fa ha pubblicato un singolo, intitolato Carillon, che ha ottenuto più di 10 milioni di visualizzazioni su Youtube. Nessuno, probabilmente, si sarebbe aspettato che il suo rilancio con una major sarebbe partito da un pezzo toccante come I grandI non piangono mai, interamente dedicato alla madre e ai suoi sforzi per far crescere un figlio nonostante le avversità.

Qualche giorno fa l’artista bresciano ha rilasciato un’intervista a GingerGeneration.it nel corso della quale abbiamo avuto modo di parlare del significato del pezzo, della sua esperienza da rapper (e la sua visione del rap attuale) ma anche dei suoi progetti futuri, sui quali in realtà Mr.Rain vuole ancora mantenere un certo alone di mistero.

Qui sotto trovate il video della nostra intervista a Mr.Rain; cliccando qui trovate il video ufficiale di I grandi non piangono mai: che ne pensate di questo artista?

Testo

i grandi non piangono mai
devi essere più forte quante volte me l’hai detto
il numero di lacrime che io ricevo non è mai proporzionale al numero di lacrime che verso
c’eri quando ero giù
prometto non lo farò più
ho fatto un mucchio di stronzate per fortuna c’eri tu
tra i miei problemi con la droga crescere tre figli piccoli
senza chiedere aiuto e farlo da sola
ma’ tu mi hai insegnato cos’è il rispetto
ho incontrato mille bastardi ma quello non l’ho mai perso
tu sei stata la prima a dirmi di farlo
la prima a credere in me
e prima ancora di me stesso
dimmi che devo fare mi hai detto ce la puoi fare
una stella che vive di luce propria continua a brillare
io non dimentico il passato
come farei a negare il cuore alla persona che me l’ha dato

imparerei a crescere
dormirai con la paura del buio
saremo io e te
tutto andrà bene se starai con me
non importa in che parte del mondo sarai
io ci sarò sempre lo sai
nessuno meriterà le tue lacrime
i grandi no non piangono mai

pensi davvero che io no non ti riconosca
per tutti i ruoli che hai interpretato meriti un Oscar
ed io che mi chiedevo quante maschere avessi
eri tu la mia miglior nemica la mia peggior rivale
eri la mia insegnante, Babbo Natale, il portiere che ti apre se dimentichi la chiave
la stessa che mi ha insegnato a sbagliare ha interpretato tutti i ruoli del mondo
prima di essere una madre
le ore diventano i giorni i giorni diventano anni
e già sei grande
non puoi comprare il tempo nessuno lo riavrà
scrivo canzoni da quando non ho più memoria
ho capito che preservare i miei ricordi è la mia priorità
ora che giro per il mondo analizzo il mio sogno
ricordatevi che anch’io sotto ai tatuaggi ho un cuore
a mio figlio dirò che i grandi non piangono mai
ma almeno se non dopo questa canzone

imparerei a crescere
dormirai con la paura del buio
saremo io e te
tutto andrà bene se starai con me
non importa in che parte del mondo sarai
io ci sarò sempre lo sai
nessuno meriterà le tue lacrime
i grandi no non piangono mai