Maria Regina di Scozia: l’intervista a Joe Alwyn e Jack Lowden

di Federica Marcucci

In occasione dell’uscita in home video di Maria Regina di Scozia il 14 maggio siamo felici di proporvi una bella intervista a due attori del cast: Joe Alwyn (Dudley) e Jack Lowden (Lord Darnley ). Interpretato da due attrici d’eccezione, Saoirse Ronan e Margot Robbie, il film narra le vicende storiche dietro la verità tra Maria Stuart e Elisabetta I.

Leggi l’intervista a Joe Alwyn e Jack Lowden:

Quando ti è stata offerta la parte che cosa hai pensato?
JA: Volevo farne parte. Ho letto la sceneggiatura e mi è davvero piaciuto e sapevo che Saoirse [Ronan] e Margot [Robbie] erano già nel progetto e io ero un grande fan del loro lavoro. Conoscevo e ammiravo Josie [Rourke, la regista] dal suo background teatrale e così sono andato, l’ho incontrata, le ho parlato e ho chiesto se potevo farne parte. Quindi, è arrivato in un modo abbastanza convenzionale. Non ha dovuto trascinarmi fuori dalla strada.

È raro vedere un film condotto da due donne…
JL: È grande. Io e Joe siamo ancora relativamente all’inizio delle nostre carriere, quindi non è che possiamo dire, ‘Oh, a quei tempi, eravamo sempre davanti e al centro’, ma è quello che amo, che sento di essere cresciuto in questa professione in un momento in cui questo cambiamento sta iniziando ad accadere. Dopo aver fatto Maria Regina di Scozia, ho fatto Measure For Measure [produzione teatrale] con Josie [Rourke], dove ero io di fronte a una donna, e abbiamo cambiato parti. E poi ho fatto un dramma della BBC, diretto da una donna chiamata Mahalia Belo [The Long Song] e anche due lead femminili. Quindi sta sicuramente iniziando a cambiare. Lo apprezzo totalmente ed è emozionante e, piuttosto egoisticamente, significa che ora stiamo giocando anche a ruoli leggermente più interessanti.

Dato il tuo accento scozzese, Jack, avresti preferito interpretare uno scozzese?
JA: Mi sarebbe piaciuto interpretare una parte scozzese, forse Mary. La mia audizione è stata davvero buona per Mary! No, mi sarebbe piaciuto aver interpretato uno scozzese, ma ho trovato molto interessante interpretare un inglese. Era in qualche modo scozzese per nascita, o almeno per lignaggio. Vengo dagli Scottish Borders e ieri sera ero con mia madre e mio padre alla premier. E quando è apparso ‘The Border’, scritto nel film, è stata una grande cosa per tutti noi.

Hai studiato in Scozia?
JL: Sono cresciuto lì. Sono nato in Inghilterra, ma sono cresciuto in Scozia. Sono nato in Inghilterra e ci sono stato per i primi due anni della mia vita.

Dunque Maria è una figura ricorrente nei tuoi studi?
JL: Sì un po’, anche se probabilmente meno nello studio e più in cose come il folklore. Lei è una delle grandi attrazioni turistiche in Scozia. Ci sono molte vecchie case e castelli in Scozia che tutti sostengono che Mary sia rimasta qui – o si sia appoggiata al muro lì – perché è così famosa in Scozia.

Fare il film ha cambiato il modo in cui guardi queste figure storiche?
JA: Non avevo pregiudizi su di loro prima o qualsiasi idea preconcetta. Sapevo che Mary è morta in Scozia. È una specie di personaggio romantico e tragico ma la mia educazione su di loro si limitava un po’ alla scuola e forse anche a film come Elizabeth. Quindi non ho davvero riallineato qualcos’altro per avere una nuova opinione.

Hai guardato altri attori interpretare il tuo personaggio?
JA: Sì. Penso che ci sia solo Elizabeth. Probabilmente ho visto altri film, ma l’unico che ricordo veramente in termini di Dudley, credo, era Joseph Fiennes. Ma di nuovo, Dudley può essere visto in tanti modi diversi. Dipende solo da come il regista e la sceneggiatura vogliono mostrarlo. In questo film è piuttosto puro. Lui è l’idea del vero amore romantico. È piuttosto disinteressato e agisce per lealtà nei confronti di Elizabeth. Non è realmente coinvolto in un’agenda politica e di potere. Questo non vuol dire che non sia in grado di giocare a quel gioco, ma non è la versione che vediamo qui, anche se certamente in altri libri e film le cose sono diverse.

Dunque è così che lo descrivi?
JA: Sì, proprio così. In lui c’è l’idea del vero amore romantico come figura maschile. È un po’ diverso rispetto ad personaggi maschili. Gli altri sono in gran parte guidati dall’idea del potere.

Che cosa intendi Jack quando dici che iniziano a essere creati ruoli diversi?
JL: Intendevo dire che i personaggi che stanno per gli attori giovani sono diversi e questo è grandioso. La cosa interessante, ad esempio, è che nel film Darnley pensa di avere un ruolo e poi scopre che non è il ruolo che voleva e quindi è stato grandioso fare qualcosa del genere. Mi sono sentito molto, molto pertinente. Si rende conto che sarà solo un marito. Questa è la cosa peggiore per lui, essere visto come un marito. Immagino che sia qualcosa che emerge costantemente se qualcuno si sposa in una famiglia reale – tutto a un tratto sarai un secondo al monarca. Mi chiedo cosa faremmo tutti se sposassimo una regina o un re. Mi chiedo come ci sentiremmo tutti.

Pensi che sia difficile essere in questa posizione se sei un uomo?
JL: Penso in passato di sicuro. Ora, parlando da solo come un uomo, no. Sono cresciuto con le donne. La maggior parte dei miei insegnanti erano donne e io sono cresciuto pensando che le donne sapessero meglio. Sono sempre cresciuto così, per me personalmente, no. Non mi dispiacerebbe suonare il secondo violino, per niente. È più sull’individuo che sul genere, ad essere onesti. Per me, va bene. Potrebbe non essere diverso nel resto della società.

Quello che ti ha raccontato lo storico John Guy sul tuo personaggio ti è rimasto impresso?
JL: Ero lì sul set il giorno in cui era lì. Appena ho alzato gli occhi ho visto questo ragazzo con i baffi e la barba.

Quale scena era?
JL: È stata la scena in cui ci sposiamo e siamo a un tavolo lungo e ci sono un paio di foto di noi e sono sicuro che John Guy si sia seduto lì. Lui è stato fondamentale in quel momento e mi piace che abbia dato pareri sulla storia. Alcuni storici pensano che sia loro dovere non essere supponenti e solo raccontare fatti, ma mi piace che abbia un’opinione su tutto.

Ricordi qualcosa di specifico che ti ha detto?
JL: Il fatto che Darnley sia descritto come l’uomo più lungo e proporzionato che Mary abbia mai visto, l’ho sempre trovato molto divertente. Uomo lungo! John mi ha mostrato alcuni dei ritratti di Darnley con suo fratello minore e anche allora, in un’epoca di pavoni nei ritratti, Darnley sembra essere sempre un attimo prima di mettere il piede sul muro. Lui è davvero in posa.

Lavorare in un film in costume modifica il tuo modo di recitare?
JA: Penso che con cose del genere, con questi incredibili set che costruiscono e questi fantastici costumi che progettano, è solo un altro modo che ti aiuta a entrare nel mondo che Josie stava cercando di creare e richiede uno sforzo minore. È costruito lì per te e devi solo dire le parole. Alexandra Byrne, che ha fatto i costumi, è semplicemente fenomenale. Sono tutti fatti in realtà di denim e ogni costume è stato singolarmente invecchiato, così da sembrare che siano stati cavalcati sui cavalli per tutta la vita. Il livello di dettaglio che c’è è incredibile.

Hai detto che sei incline a personaggi auto-distruttivi, è vero Jack?
JL: I personaggi autodistruttivi sono solo più divertenti. L’intera idea di qualcuno che sta cercando di distruggere se stesso, anche se non vuole farlo è molto divertente. Mi sono innamorato delle persone che ci provano. Le persone che sono già pronte  penso che siano noiose e diventano noiose da interpretare. Le persone che stanno cercando di essere qualcosa o che stanno cercando di farti pensare a qualcosa di loro sono affascinanti. Le persone che sono ossessionate dal modo in cui si sono o dal loro aspetto o di quale sarà il loro lascito falliranno sempre di più, e penso che il fallimento sia molto più interessante del successo, comunque, per me. Non so cosa dice di me ma sono sicuro che dice qualche cosa freudiana sicuramente. Lo adoro assolutamente. Anche se non voglio solo interpretare persone che stanno cercando di uccidersi!

Quando filmavate scene di battaglia, Jack, a te piaceva perché te ne stavi sulla collina a guardare?
JL: È una delle cose straordinarie del cinema. Eravamo seduti lassù e in realtà non stavamo guardando nulla. Qualcuno stava dicendo: “E poi arrivano le mucche e Martin [Compston] è lì”, ma non stavamo guardando nulla.
JA: Amo il momento di quando lei gli dà il segnale per iniziare.
JL: È tutto molto bello. Ed è stato girato tutto lì sul posto e la geografia del luogo nel film è la geografia esatta, una cosa che a volte non c’è nei film. Ma era la geografia esatta della vera battaglia e il piccolo ponte era lì. Quando me ne sono andato alla fine di quel giorno ho visto un gruppo di uomini cadere nel fiume, che era la fine della battaglia.

Come è stato lavorare con Saoirse Ronan e Margot Robbie?
JA: È stato fantastico, sono entrambe incredibili in quello che fanno. Ero così fan del loro lavoro già da prima e quindi l’idea di lavorare con loro e recitare di fronte a loro era incredibile, anche se ho girato con Saoirse solo una scena quando sono stato espulso in Scozia. Ma abbiamo avuto questo periodo di prove di due settimane in cui eravamo tutti in una stanza insieme e appena siamo riusciti a fare una lettura al tavolo leggevamo e vedevamo come lavorava, e quanto fosse concentrata, era incredibile. E anche Margot è così, così talentuosa. Sono anche brave persone.

Quando guardi ai due personaggi principali hai simpatia per uno piuttosto che per un altro?
JL: In realtà alla fine ho avuto più simpatia per Elizabeth mentre guardavo il film. Ho amato ciò che Saoirse ha fatto con il personaggio [Mary] – il fatto che lei abbia interpretato davvero il suo orgoglio. Mi è piaciuto. Non era la persona che aveva tutte le risposte. Era molto testarda, il che era tipico di tutti i re di Stuart. Avevano un temperamento e lei aveva un brutto carattere e alla fine mi sono sentito più dispiaciuto per Elizabeth. Ho amato tutto ciò che riguarda il fatto che lei scomparisse nel trono e che a malapena fosse una donna. Finisce dicendo “Sono più uomo che donna”. Penso che lei sia più monarca dell’uomo o della donna. L’ho trovato davvero triste.

E tu Joe?
JA: Sono solidale con loro per ragioni diverse. Penso che sia l’arroganza di Mary a farla cadere. In quello scontro alla fine con Elizabeth, lei non vuole affatto piegarsi ed è quello che alla fine la fa cadere. Ed Elizabeth, nel cercare di rimanere forte, e nel non sposarsi, e nel provare a fare le cose a modo suo, ha questo isolamento e solitudine. Lei scompare nel trono. Mi sento vicino a lei.

E voi avete già visto Maria Regina di Scozia?

Articoli Correlati