Lea Michele risponde alle accuse di razzismo (e si scusa)

di Roberta Marciano
lea michele

Lea Michele ha risposto attraverso i suoi canali social le accuse di razzismo che le sono state mosse da una ex attrice di Glee. Come saprete, con il movimento Black Lives Matters anche l’attrice aveva detto la sua, salvo essere poi immediatamente accusata di razzismo da Samantha Ware.

Dopo qualche giorno di silenzio Lea ha deciso di parlare spiegando la sua versione dei fatti in un lungo post.

Ecco le parole di Lea Michele

Una cosa che ho capito nell’ultimo periodo è che importante prendersi del tempo per capire la prospettiva degli altri e parlare delle ingiustizie che subiscono. Quando ho fatto il mio tweet qualche giorno fa è stato fatto in supporto della nostra comunità durante questo momento veramente difficile ma la risposta che ho ricevuto mi ha fatto riflettere in modo specifico sul mio comportamento e come questo è stato recepito da un membro del cast. Non ricordo di aver detto qualcosa in particolare e non ho mai giudicato qualcuno per il colore della sua pelle, non è questo che conta veramente ma il fatto che ho agito in un modo che ha ferito altre persone. Non so se sia stata la mia posizione di privilegio o se era solo immaturità o il mio comportarmi in modo difficile con gli altri, mi scuso per quello che ho fatto e per qualsiasi dolore io abbia causato. Possiamo tutti crescere e ho sicuramente passato questi ultimi mesi a riflettere sui miei atteggiamenti. Tra poco diventerò madre e so di dover continuare a lavorare su me stessa, così da essere un modello per il mio bambino. Ascolto le critiche e sto imparando. Mentre sono davvero dispiaciuta, sarò migliore in futuro dopo questa esperienza.

 

 

Articoli Correlati