Fase 3 dal 3 giugno: cosa si può e fare e cosa è proibito, tutte le regole

di Alberto Muraro

Inizia quest’oggi, 3 giugno, una nuova fase della storia italiana. La frase può sembrare forse fin troppo ad effetto, ma dopo tutto quello che abbiamo passato, alla fine, pensiamo che possa essere adatta. A partire da oggi, infatti, l’Italia smette ufficialmente di essere zona rossa.

Prenota il tuo viaggio con Trivago!

Mare
Dopo quasi tre mesi di lockdown, il nostro paese riparte. La Fase 3 infatti rappresenta per l’Italia un nuovo inizio, un punto di (ri)partenza sul quale avviare una ricostruzione. Ricostruzione che passerà però per forza di cose anche per tante nuove regole, che per un po’ di tempo dovremo continuare a rispettare.

Il pericolo è passato? Purtroppo no, il rischio di nuovi focolai di Coronavirus è sempre dietro l’angolo. Eppure abbiamo finalmente imparato ad affrontare certe situazioni, e proprio dalle recenti lezioni possiamo riprendere una vita “più o meno” normale.

Che cosa è possibile fare e che cosa invece è ancora proibito durante la Fase 3?

La Fase 3 è la fase in cui sarà finalmente possibile spostarsi fra Regioni, senza più limitazioni. Il che significa che potrete viaggiare e spostarvi da una regione all’altra senza più dover giustificare il motivo del vostro spostamento. Sparisce dunque da questo momento, ufficialmente, il bisogno di presentare all’autorità la famosa autocertificazione.

Questo, insomma, vi pemetterà di andare in vacanza nella regione dove, per esempio, si trova l’hotel che avete prenotato oppure la vostra seconda casa.

fase 3

Prenotate subito il vostro viaggio!

Attenzione però! Ci sono comunque delle cose da sapere a riguardo!  Alcune Regioni hanno preso provvedimenti ad hoc per limitare il rischio di una nuova ondata. Per entrare in Sardegna per esempio ci sarà l’obbligo di registrazione in entrata. Entrando in Puglia è necessario autosegnalarsi alle autorità appena arrivati. Il Lazio, invece, ha attuato questa politica: non potrete entrare in regione se avrete la febbre superiore dei 37,5 gradi.

Per tutti i luoghi pubblici al chiuso (bar, ristoranti, negozi) resterà l’obbligo di utilizzo della mascherina. Rimane inoltre invariata la regola del distanziamento sociale. Sarà infatti necessario mantenere un metro di distanza da chi non fa parte del nostro nucleo familiare. Almeno per questa fase baci e abbracci sono ancora proibiti!!

Viaggi all’estero in Fase 3

A partire dal 3 giugno in Italia riaprono porti e aeroporti per i turisti stranieri. Decade l’obbligo di quarantena di 14 giorni in entrata. Noi però non possiamo viaggiare in tutti i paesi europei: alcuni, come Austria e Svizzera hanno chiuso i confini per gli italiani, se non per motivi di lavoro. Per entrare in Gran Bretagna, Belgio, Malta e Irlanda invece ci sarà obbligo di quarantena.

Le porte per i viaggi nei paesi extra europei si apriranno a partire dal 15 giugno.