Autore: Fabrizio De Andre

Fabrizio De Andre – Spiritual

Dio del cielo se mi vorrai In mezzo agli altri uomini mi cercherai Dio del cielo se mi cercherai Nei campi di granturco mi troverai. Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a cercare Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a cercare. Le chiavi del cielo non ti voglio rubare Ma un attimo di gioia me lo puoi regalare Le chiavi del cielo non ti voglio rubare Ma un attimo di gioia me lo puoi regalare. Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare scendi dalle stelle, vienimi a cercare Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a cercare. Senza di te non so più dove andare Come una mosca cieca che non sa più volare Senza di te non so più dove andare Come una mosca cieca che non sa più volare. Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare scendi dalle stelle, vienimi a salvare Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a salvare. E se ci hai regalato il pianto ed il riso Noi qui sulla terra non lo abbiamo diviso E se ci hai regalato il pianto ed il riso Noi qui sulla terra non lo abbiamo diviso. Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare scendi dalle stelle, vienimi a cercare Oh, Dio del...

Read More

Fabrizio De Andre – Presentazione ‘A dumenega’

Quandu ä duménega fan u gíu cappellin neuvu neuvu u vestiu cu ‘a madama a madama ‘n testa o belin che festa o belin che festa a tûtti apreuvu ä pruccessiún d’a Teresin-a du Teresún tûtti a miâ ë figge du diàu che belin de lou che belin de lou e a stu luciâ de cheusce e de tettín Ghe fan u sciätu anche i ciû piccin mama mama damme ë palanche veuggiu anâ a casín veuggiu anâ a casín e ciû s’addentran inta cittæ ciû euggi e vuxi ghe dan deré ghe dixan quellu che nu peúan dî de zeùggia sabbu e de lûnedì A Ciamberlinú sûssa belin ä Fuxe cheusce de sciaccanuxe in Caignàn musse de tersa man e in Puntexellu ghe mustran l’öxellu E u direttú du portu c’u ghe vedde l’ou ‘nte quelle scciappe a reposu da a lou pe nu fâ vedde ch’u l’è cuntentu ch’u meu-neuvu u gh’à u finansiamentu u se cunfunde ‘nta confûsiún cun l’euggiu pin de indignasiún e u ghe cría deré bagasce sëi e ghe restè E ti che ti ghe sbraggi apreuvu mancu ciû u nasu gh’avei de neuvu bruttu galûsciu de ‘n purtòu de Cristu nu t’è l’únicu ch’u se n’è avvistu che in mezzu a quelle creatúe che se guagnan u pan da nûe a gh’è a gh’è a gh’è a gh’è a gh’è anche teu...

Read More

Fabrizio De Andre – La Guerra Di Piero

Dormi sepolto in un campo di grano non è la rosa non è il tulipano che ti fan veglia dall’ombra dei fossi ma sono mille papaveri rossi lungo le sponde del mio torrente voglio che scendano i lucci argentati non più i cadaveri dei soldati portati in braccio dalla corrente così dicevi ed era d’inverno e come gli altri verso l’inferno te ne vai triste come chi deve il vento ti sputa in faccia la neve fermati Piero, fermati adesso lascia che il vento ti passi un po’ addosso dei morti in battaglia ti porti la voce chi diede la vita e ebbe in cambio una croce ma tu non lo udisti e il tempo passava con le stagioni a passo di giava ed arrivasti a varcar la frontiera in un bel giorno di primavera E mentre marciavi con l’anima in spalle vedesti un uomo in fondo alla valle che aveva il tuo stesso identico umore ma la divisa di un altro colore Sparagli Piero, sparagli ora! e dopo un colpo sparagli ancora fino a che tu non lo vedrai esangue cadere in terra a coprire il suo sangue e se gli spari in fronte o nel cuore soltanto il tempo avrà per morire ma il tempo a me resterà per vedere vedere gli occhi di un uomo che muore e mentre gli usi questa premura quello si volta,...

Read More

Fabrizio De Andre – Don Raffaè

Io mi chiamo Pasquale Cafiero e son brigadiero del carcere oinè io mi chiamo Cafiero Pasquale sto a Poggioreale dal ’53 e al centesimo catenaccio alla sera mi sento uno straccio per fortuna che al braccio speciale c’è un uomo geniale che parla co’ mme. Tutto il giorno con quattro infamoni briganti, papponi, cornuti e lacchè tutte ll’ore co’ ‘sta fetenzia che sputa minaccia e s’ ‘a piglia co’ mme ma alla fine m’assetto papale mi sbottono e mi leggo ‘o ggiurnale mi consiglio con don Raffaè mi spiega che penso e bevimm’ ‘o ccafè. Ah, che bellu ccafè sulo ‘n carcere ‘o sanno fà co’ ‘a recetta ch’a Cicirinella compagno di cella ci ha dato mammà. Prima pagina venti notizie ventuno ingiustizie e lo Stato che fa si costerna, s’indigna, s’impegna poi getta la spugna con gran dignità. Mi scervello. mi asciugo la fronte per fortuna c’è chi mi risponde a quell’uomo sceltissimo e immenso io chiedo consenso, a don Raffaè. Un galantuomo che tiene sei figli ha chiesto una casa e ci danno consigli l’assessore che Dio lo perdoni ‘ndentro ‘a roulotte ci alleva i visoni. Voi vi basta una mossa, una voce c’a ‘stu Cristo ci leva ‘na croce. Con rispetto, s’è fatto le tre vulite ‘a spremuta o vulite ‘o caffè? Ah, che bellu ccafè sulo ‘n carcere ‘o sanno fà co’ ‘a recetta ch’a...

Read More

Fabrizio De Andre – Amore Che Vieni Amore Che Vai

Ricordi sbocciavan le viole con le nostre parole “Non ci lasceremo mai, mai e poi mai”, vorrei dirti ora le stesse cose ma come fan presto, amore, ad appassire le rose così per noi l’amore che strappa i capelli è perduto ormai, non resta che qualche svogliata carezza e un po’ di tenerezza. E quando ti troverai in mano quei fiori appassiti al sole di un aprile ormai lontano, li rimpiangerai ma sarà la prima che incontri per strada che tu coprirai d’oro per un bacio mai dato, per un amore nuovo. E sarà la prima che incontri per strada che tu coprirai d’oro per un bacio mai dato, per un amore...

Read More

Ariana Grande – Tutti gli aggiornamenti sull’attentato

Concorso Pirati dei Caraibi – UCI Cinemas

Speciale Maggie & Bianca

Maggie e Bianca - logo ginger

WOW! Il Diario delle Tea Sisters

Video Recenti

Loading...