Autore: Fabrizio De Andre

Fabrizio De Andre – Presentazione ‘A dumenega’

Quandu ä duménega fan u gíu cappellin neuvu neuvu u vestiu cu ‘a madama a madama ‘n testa o belin che festa o belin che festa a tûtti apreuvu ä pruccessiún d’a Teresin-a du Teresún tûtti a miâ ë figge du diàu che belin de lou che belin de lou e a stu luciâ de cheusce e de tettín Ghe fan u sciätu anche i ciû piccin mama mama damme ë palanche veuggiu anâ a casín veuggiu anâ a casín e ciû s’addentran inta cittæ ciû euggi e vuxi ghe dan deré ghe dixan quellu che nu peúan dî de zeùggia sabbu e de lûnedì A Ciamberlinú sûssa belin ä Fuxe cheusce de sciaccanuxe in Caignàn musse de tersa man e in Puntexellu ghe mustran l’öxellu E u direttú du portu c’u ghe vedde l’ou ‘nte quelle scciappe a reposu da a lou pe nu fâ vedde ch’u l’è cuntentu ch’u meu-neuvu u gh’à u finansiamentu u se cunfunde ‘nta confûsiún cun l’euggiu pin de indignasiún e u ghe cría deré bagasce sëi e ghe restè E ti che ti ghe sbraggi apreuvu mancu ciû u nasu gh’avei de neuvu bruttu galûsciu de ‘n purtòu de Cristu nu t’è l’únicu ch’u se n’è avvistu che in mezzu a quelle creatúe che se guagnan u pan da nûe a gh’è a gh’è a gh’è a gh’è a gh’è anche teu...

Read More

Fabrizio De Andre – Spiritual

Dio del cielo se mi vorrai In mezzo agli altri uomini mi cercherai Dio del cielo se mi cercherai Nei campi di granturco mi troverai. Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a cercare Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a cercare. Le chiavi del cielo non ti voglio rubare Ma un attimo di gioia me lo puoi regalare Le chiavi del cielo non ti voglio rubare Ma un attimo di gioia me lo puoi regalare. Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare scendi dalle stelle, vienimi a cercare Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a cercare. Senza di te non so più dove andare Come una mosca cieca che non sa più volare Senza di te non so più dove andare Come una mosca cieca che non sa più volare. Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare scendi dalle stelle, vienimi a salvare Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a salvare. E se ci hai regalato il pianto ed il riso Noi qui sulla terra non lo abbiamo diviso E se ci hai regalato il pianto ed il riso Noi qui sulla terra non lo abbiamo diviso. Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare scendi dalle stelle, vienimi a cercare Oh, Dio del...

Read More

Fabrizio De Andre – Parlando Del Naufragio Della London Valour

Via del Campo, c’è una graziosa gli occhi grandi color di foglia tutta notte sta sulla soglia vende a tutti la stessa rosa. Via del Campo, c’è una bambina con le labbra color rugiada gli occhi grigi come la strada nascon fiori dove cammina. Via del Campo, c’è una puttana gli occhi grandi color di foglia se di amarla ti vien la voglia basta prenderla per la mano e ti sembra di andar lontano lei ti guarda con un sorriso non credevi che il paradiso fosse solo là al primo piano. Via del Campo ci va un illuso a pregarla di maritare a vederla salir le scale fino a quando il balcone è chiuso. Ama e ridi se amor risponde pingi forte se non ti sente dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior… dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i...

Read More

Fabrizio De Andre – Sogno Numero Due

Uomini senza fallo, semidei che vivete in castelli inargentati che di gloria toccaste gli apogei noi che invochiam pietà siamo i drogati. Dell’inumano varcando il confine conoscemmo anzitempo la carogna che ad ogni ambito sogno mette fine: che la pietà non vi sia di vergogna. Banchieri, pizzicagnoli, notai, coi ventri obesi e le mani sudate coi cuori a forma di salvadanai noi che invochiam pietà fummo traviate. Navigammo su fragili vascelli per affrontar del mondo la burrasca ed avevamo gli occhi troppo belli: che la pietà non vi rimanga in tasca. Giudici eletti, uomini di legge noi che danziam nei vostri sogni ancora siamo l’umano desolato gregge di chi morì con il nodo alla gola. Quanti innocenti all’orrenda agonia votaste decidendone la sorte e quanto giusta pensate che sia una sentenza che decreta morte? Uomini cui pietà non convien sempre male accettando il destino comune, andate, nelle sere di novembre, a spiar delle stelle al fioco lume, la morte e il vento, in mezzo ai camposanti, muover le tombe e metterle vicine come fossero tessere giganti di un domino che non avrà mai fine. Uomini, poiché all’ultimo minuto non vi assalga il rimorso ormai tardivo per non aver pietà giammai avuto e non diventi rantolo il respiro: sappiate che la morte vi sorveglia gioir nei prati o fra i muri di calce, come crescere il gran guarda il villano...

Read More

Fabrizio De Andre – Via Della Povertà

Via del Campo, c’è una graziosa gli occhi grandi color di foglia tutta notte sta sulla soglia vende a tutti la stessa rosa. Via del Campo, c’è una bambina con le labbra color rugiada gli occhi grigi come la strada nascon fiori dove cammina. Via del Campo, c’è una puttana gli occhi grandi color di foglia se di amarla ti vien la voglia basta prenderla per la mano e ti sembra di andar lontano lei ti guarda con un sorriso non credevi che il paradiso fosse solo là al primo piano. Via del Campo ci va un illuso a pregarla di maritare a vederla salir le scale fino a quando il balcone è chiuso. Ama e ridi se amor risponde pingi forte se non ti sente dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior… dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i...

Read More

Tutte le news su Giffoni 2017

Speciale Maggie & Bianca

Maggie e Bianca - logo ginger

WOW! Il Diario delle Tea Sisters

Video Recenti

Loading...