Autore: Fabrizio De Andre

Fabrizio De Andre – Spiritual

Dio del cielo se mi vorrai In mezzo agli altri uomini mi cercherai Dio del cielo se mi cercherai Nei campi di granturco mi troverai. Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a cercare Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a cercare. Le chiavi del cielo non ti voglio rubare Ma un attimo di gioia me lo puoi regalare Le chiavi del cielo non ti voglio rubare Ma un attimo di gioia me lo puoi regalare. Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare scendi dalle stelle, vienimi a cercare Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a cercare. Senza di te non so più dove andare Come una mosca cieca che non sa più volare Senza di te non so più dove andare Come una mosca cieca che non sa più volare. Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare scendi dalle stelle, vienimi a salvare Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare Scendi dalle stelle, vienimi a salvare. E se ci hai regalato il pianto ed il riso Noi qui sulla terra non lo abbiamo diviso E se ci hai regalato il pianto ed il riso Noi qui sulla terra non lo abbiamo diviso. Oh, Dio del cielo se mi vorrai amare scendi dalle stelle, vienimi a cercare Oh, Dio del...

Read More

Fabrizio De Andre – Presentazione ‘A dumenega’

Quandu ä duménega fan u gíu cappellin neuvu neuvu u vestiu cu ‘a madama a madama ‘n testa o belin che festa o belin che festa a tûtti apreuvu ä pruccessiún d’a Teresin-a du Teresún tûtti a miâ ë figge du diàu che belin de lou che belin de lou e a stu luciâ de cheusce e de tettín Ghe fan u sciätu anche i ciû piccin mama mama damme ë palanche veuggiu anâ a casín veuggiu anâ a casín e ciû s’addentran inta cittæ ciû euggi e vuxi ghe dan deré ghe dixan quellu che nu peúan dî de zeùggia sabbu e de lûnedì A Ciamberlinú sûssa belin ä Fuxe cheusce de sciaccanuxe in Caignàn musse de tersa man e in Puntexellu ghe mustran l’öxellu E u direttú du portu c’u ghe vedde l’ou ‘nte quelle scciappe a reposu da a lou pe nu fâ vedde ch’u l’è cuntentu ch’u meu-neuvu u gh’à u finansiamentu u se cunfunde ‘nta confûsiún cun l’euggiu pin de indignasiún e u ghe cría deré bagasce sëi e ghe restè E ti che ti ghe sbraggi apreuvu mancu ciû u nasu gh’avei de neuvu bruttu galûsciu de ‘n purtòu de Cristu nu t’è l’únicu ch’u se n’è avvistu che in mezzu a quelle creatúe che se guagnan u pan da nûe a gh’è a gh’è a gh’è a gh’è a gh’è anche teu...

Read More

Fabrizio De Andre – Ballata Dell’Amore Cieco

Quando hanno aperto la cella era già tardi perché con una corda al collo freddo pendeva Miché Tutte le volte che un gallo sento cantar penserò a quella notte in prigione quando Miché s’impiccò Stanotte Miché s’è impiccato a un chiodo perché non voleva restare vent’anni in prigione lontano da te Nel buio Miché se n’è andato sapendo che a te non poteva mai dire che aveva ammazzato perché amava te Io so che Miché ha voluto morire perché ti restasse il ricordo del bene profondo che aveva per te Vent’anni gli avevano dato la corte decise così perché un giorno aveva ammazzato chi voleva rubargli Marì Lo avevan perciò condannato vent’anni in prigione a marcir però adesso che lui s’è impiccato la porta gli devono aprir Se pure Miché non ti ha scritto spiegando perché se n’è andato dal mondo tu sai che l’ha fatto soltanto per te domani alle tre nella fossa comune cadrà senza il prete e la messa perché d’un suicida non hanno pietà Domani Miché nella terra bagnata sarà e qualcuno una croce col nome e la data su lui pianterà e qualcuno una croce col nome e la data su lui...

Read More

Fabrizio De Andre – Carlo Martello

Re Carlo tornava dalla guerra lo accoglie la sua terra cingendolo d’allor al sol della calda primavera lampeggia l’armatura del sire vincitor il sangue del principe e del Moro arrossano il ciniero d’identico color ma più che del corpo le ferite da Carlo son sentite le bramosie d’amor “se ansia di gloria e sete d’onore spegne la guerra al vincitore non ti concede un momento per fare all’amore chi poi impone alla sposa soave di castità la cintura ahime grave in battaglia può correre il rischio di perder la chiave” così si lamenta il Re cristiano s’inchina intorno il grano gli son corona i fior lo specchi di chiara fontanella riflette fiero in sella dei Mori il vincitor Quand’ecco nell’acqua si compone mirabile visione il simbolo d’amor nel folto di lunghe trecce bionde il seno si confonde ignudo in pieno sol “Mai non fu vista cosa più bella mai io non colsi siffatta pulzella” disse Re Carlo scendendo veloce di sella “De’ cavaliere non v’accostate già d’altri è gaudio quel che cercate ad altra più facile fonte la sete calmate” Sorpreso da un dire sì deciso sentendosi deriso Re Carlo s’arrestò ma più dell’onor poté il digiuno fremente l’elmo bruno il sire si levò codesta era l’arma sua segreta da Carlo spesso usata in gran difficoltà alla donna apparve un gran nasone e un volto da caprone ma era...

Read More

Speciale Maggie & Bianca

Maggie e Bianca - logo ginger

Video della settimana

WOW! Il Diario delle Tea Sisters

Video Recenti

Loading...