Tiziano Ferro: audio, testo e traduzione di El oficio de la vida feat. Vanesa Martín

di Alberto Muraro

Dopo lo straordinario successo di Il mestiere della vita, Tiziano Ferro torna a pubblicare un nuovo disco, in questo caso la versione in lingua spagnola del suo sesto album: il progetto, intitolato El Oficio de la vida, è stato prodotto appositamente per il mercato latinoamericano (dove Ferro va ancora fortissimo) ed è stato anticipato qualche settimana fa dalla pubblicazione del singolo Podriamos Regresar.

Qui sotto trovae audio anteprima, testo e traduzione della title track feat. Vanesa Martín: che ne pensate di questo Tiziano Ferro in versione latina?

Testo

cierra la puerta cuando salgas
hay demasiado aqui de ti
no des la vuelta porque apuesto
que te soprenderàs
los suenos nunca se dividen
si los quieres recuperar

no es la vida que ahi querías
porque la vida ya no es esa
me reia de nuestros defectos
tu lloras porque no se hundieran mas

la imagen sigue siendo la misma
pero la tuya no estas

si estas dudando no lo hagas vuelve
porque si ahora vuelves tu
volveré a ser el que era
la vida nunca nos cortò las alas
entrégate a la locura del recuerdo de quién amas tu

deja que sea
el oficio de la vida tu
deja nos hable

extranos en la habitaciòn
mientras el mundo sucediendo
no es que el error fuera tan grande
solo nos faltò el amor
ojalà recuperes la risa

yo seguiré aqui

si estas dudando no lo hagas vuelve
porque si ahora vuelves tu
volveré a ser el que era
la vida nunca nos cortò las alas
entrégate a la locura del recuerdo de quién amas tu

deja que sea
el oficio de la vida tu
deja nos hable
deja que la vida haga su camino tu
deja nos hable

amor me opongo
y a este dolor respondo
cambia ahora ven con fuerza
levàntate tira barreras
la gente confusa no sabe
que el amor es aliado del tiempo

tiempo que cura los trozos de tu corazón deshecho

y luego intenta lo imposible
algo extraordinario amor
y vive en el exceso
pideme el acceso
mira
disfruta del triunfo
crea nuestro milagro
busca el verdadero amor
detràs de cada obstáculo

si estas dudando no lo hagas vuelve
porque si ahora vuelves tu
volveré a ser el que era
la vida nunca nos cortò las alas
entrégate a la locura del recuerdo de quién amas tu

deja que sea
el oficio de la vida tu
deja nos hable
y deja que la vida haga su camino tu
deja nos hable

cierra la puerta cuando salgas
hay demasiado aqui de ti

Traduzione

chiudi la porta quando esci
qui c’è troppo di te
non girarti perché scommetto
che resterai sorpresa
i sogni non si dividono mai
se li vuoi recuperare

non è la vita che qui tu volevi
perché la vita non è più questa
ridevo dei nostri difetti
tu piangi affinché non affondino più

la immagina è sempre la stessa
ma la tua non c’è

se ne stai dubitando non farlo, torna
perchè se adesso tu torni
tornerò ad essere quello che ero
la vida non ci ha mai tagliato le ali
datti alla gollia del ricordo di chi tu ami

lascia che sia
il mestiere della vita
lascia che ci parli

estranei nella stanza
mentre tutto intorno il mondo vive
non è il fatto che fosse stato un enorme errore
ma ci è soltanto mancato l’amore
magari tu riesca a riavere il sorriso

io continuerò a stare qui

se ne stai dubitando non farlo, torna
perchè se adesso tu torni
tornerò ad essere quello che ero
la vida non ci ha mai tagliato le ali
datti alla gollia del ricordo di chi tu ami

lascia che sia
il mestiere della vita
lascia che ci parli

amore mi oppongo
e rispondo a questo dolore
cambia adesso vieni con forza
alzati poni barriere
la gente confusa non sa
che l’amore è alleato del tempo

il tempo che cura i pezzi del tuo cuore distrutto

e poi prova l’impossibile
lo straordinario amore
e vivi nell’eccesso
chiedimi l’accesso
guarda

goditi il trionfo
crea un nuovo miracolo
cerca il vero amore
dietro ad ogni ostacolo

se ne stai dubitando non farlo, torna
perchè se adesso tu torni
tornerò ad essere quello che ero
la vida non ci ha mai tagliato le ali
datti alla gollia del ricordo di chi tu ami

lascia che sia
il mestiere della vita
lascia che ci parli
e lascia che la vida faccia il suo cammino
lascia che ci parli

chiudi la porta quando esci
c’è troppo di te qui dentro