Skam Italia 4: recensione del primo episodio della quarta stagione

di Paola Pirotti
skam italia 4 sana beatrice bruschi

Dopo tanta attesa, la quarta stagione di Skam Italia è finalmente online su TIMVISION e Netflix.
Non si parla di altro da mesi: il teen drama preferito dai fan italiani – e non solo – è tornato dopo lunghe turbolenze e un futuro incerto. Protagonista di questa nuova (forse ultima?) stagione è Sana (Beatrice Bruschi), da sempre personaggio amatissimo dai fan e membro della girl squad di protagoniste della serie.

SKAM Italia 4 - Beatrice Bruschi: Cosa ho imparato dalla storia di Sana

Nei primi quattro minuti che precedono la scritta SKAM Italia, emerge immediatamente quello che sarà il grande conflitto di Sana: la sua doppia identità. Se da lato è un’adolescente alle prese con gli ormoni, i segreti con le amiche, le chat e le storie Instagram, dall’altro è una ragazza costretta ad ascoltare alla radio improponibili pregiudizi e dicerie sulla sua religione.

È sabato. Sono le 14.07. Mancano cento giorni alla maturità e i nostri liceali romani preferiti non potrebbero essere più entusiasti. Ma Sana non beve. Perché lei è come tutti, eppure ci sono certi limiti che non può superare, e questo sembra tormentarla.

E poi ecco la sintesi del binomio. Rientrata a casa e scoperto che ci sono gli amici di suo fratello, Sana apre la fotocamera del cellulare e sistema il suo hijab. Corre in camera, prova dieci hijab diversi, di ogni colore, sistema il trucco. Perché non è come tutti, eppure lo è.

Canzoni cantate a squarciagola, sguardi sfuggenti, grandi delusioni e piccole rivincite – è l’essere giovani – che ancora una volta Skam Italia ha deciso di raccontare, allo stesso modo (ormai un quasi diventato un vero e proprio stile, “il teen drama alla Skam”) e sempre in maniera convincente.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

“Anche io sono italiana eh”. #SkamItalia #aspettandoSkamItalia4

Un post condiviso da TIMVISION (@tim.vision) in data:

Ma della delicatezza della serie di Ludovico Bessegato se n’è parlato tanto. I momenti di silenzio, le parole giuste, gli sguardi cercati. È giusto mettere in risalto anche il suo lato esilarante, comico: perché ridiamo durante la scena in cui Elia – ubriaco – chiede a Sana di sposarlo? Perché è spontanea. Perché è successo e succederà mille volte a tutti, e l’aspetto ironico della serie è una qualità da non sottovalutare.

SKAM Italia 4 - Intervista a Ludovico Bessegato

SKAM Italia 4 - Mehdi Meskar racconta chi è Malik e il rapporto con Sana e Beatrice Bruschi

Quando si è adolescenti, come ci ricorda Skam, si ride e si piange nel giro di qualche minuto, forse anche per lo stesso motivo. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ah, il sorrisino di Malik 😵 #SkamItalia #aspettandoSkamItalia4

Un post condiviso da TIMVISION (@tim.vision) in data:

Il punto di forza del primo episodio della quarta stagione di Skam Italia è nella capacità di mettere in scena un conflitto universale e allo stesso tempo particolare, senza mai dimenticare che la vita è un video musicale, dove guardare dei “fregni” che giocano a calcio vuol dire sentire canzoni hip-hop e restare a bocca aperta fino a sbavare.

Essere un adolescente non è mai stato così reale, divertente e doloroso allo stesso tempo.

Clicca qui per attivare l’offerta di Tim Super Fibra!

skam

Allora, anche voi vi siete lanciati nella maratona della quarta stagione di Skam Italia?

Articoli Correlati