Junior Cally a Sanremo 2020: il significato del testo di No Grazie

di Alberto Muraro
no grazie junior cally

No grazie è il titolo della canzone che Junior Cally presenterà il prossimo 4 febbraio sul palco del Festival di Sanremo 2020. Il nome del brano, come vi abbiamo raccontato qui, è stato annunciato ieri sera in diretta su Rai Uno nel corso di una speciale puntata de I Soliti Ignoti.

Il significato del testo della canzone è stato così descritto da Junior Cally:

La canzone è un ultra-rap esplosivo: rime taglienti e ironiche che fotografano l’Italia del 2020 tra odio, populismo e l’ipocrisia del politicamente corretto.

Il brano di Junior Cally, prodotto da Merk & Kremont, è uno dei 24 pezzi in gara al Festival di Sanremo 2020. Amadeus ha infatti deciso di cambiare le carte in tavola, aumentando di 4 unità il numero dei BIG rispetto all’anno scorso. Inoltre, vi ricordiamo, il conduttore ha deciso di recuperare la gara delle Nuove Proposte.

Junior Cally spiega chi c’è dietro la sua maschera e parla di No Grazie

Chi è Junior Cally? Ecco le curiosità sul cantante di No Grazie!

Cresciuto nella periferia romana, esordisce nel 2017 celando la sua identità con una suggestiva maschera antigas e pubblicando hit come Magicabula e Bulldozer.

Nel 2018 esce il suo primo album ufficiale Ci entro dentro. Il progetto lo consacra – complice anche la copertina – al grande pubblico come “l’unico volto tra le maschere”. Segue un anno di grandi cambiamenti, Junior Cally decide di svelare il mistero della sua identità attraverso il video di Tutti con me, primo singolo estratto dal nuovo lavoro discografico, il suo secondo album di studio Ricercato che debutta direttamente al numero 1 della classifica FIMI dei dischi più venduti.

no grazie

Non solo musica, Junior Cally ha debuttato anche in libreria con il libro Il principe – è meglio essere temuto che amato, la sua autobiografia edita da Rizzoli.

Vi ricordiamo, inoltre, che di recente oltre a No Grazie Junior Cally ha pubblicato anche un singolo insieme alla nostra adorata Emma Muscat, intitolato Sigarette.

Articoli Correlati