Disneyland Paris chiude fino a fine marzo causa Coronavirus

di Alberto Muraro
disneyland

La brutta notizia che in tanti si aspettavano è purtroppo finalmente arrivata. A causa dell’emergenza Coronavirus Disneyland Paris, il più grande parco di divertimenti in Europa, chiude i battenti. La chiusura è prevista da lunedì 16 marzo fino alla fine del mese.

Ecco il comunicato ufficiale di Disneyland Paris

disneyland paris

Alla luce degli eventi e nell’interesse dei nostri guest e dipendenti,  provvederemo alla chusura dei nostri parchi a tema di Walt Disney World resort in Florida e di Disneyland Paris. a partire da luned 215 marzo fino alla fine del mese.

Disney Cruise Line sospsenderà tuttte le partenxe a partire da sabato 14 marzo fino alla fine del mese.

La Walt Disney Company pagherà i suoi cast memberr in questo periodo di chiusura.

Gli hotel sia a Disney World sia a Disneyland Paris resteranno aperti fino a nuovo ordine. I complessi di negozi e i ristoranti, Disney Springa a Disney World e il Disney Village e Disneyland Paris resteranno aperti.

I dipendenti della Walt Disney Company che possono lavoare da casa sono invitati a farlo.

Continueremo a rimanere in contatto con le autorità e gli esperti di Sanità.

Soltanto pochissimi giorni fa il Ministro della Sanità francese aveva dichiato che il parco non avrebbe chiuso. La motivazione era legata al fatto che il parco non è considerato dalle autorità un luogo chiuso.

Il precipitare degli eventi e la concreta minaccia del Coronavirus anche in Francia hanno evidentemente sconbussolato le carte in tavola.

Disneyland Paris chiude così (e ci auguriamo davvero solo fino a fine mese) nel bel mezzo della sua Frozen Celebration.

Proprio poche ore fa, a proposito, il parco aveva annunciato il primo caso di Coronavirus. Un dipendente della manutenzione era infatti risultato positivo al virus. In ogni caso, almeno stando alle informazioni a nostra disposizione, il cast member non sarebbe entrato in contatto con nessuno se non con una ristretta cerchia di colleghi, subito messi in quarantena.

Articoli Correlati