Carnevale 2011: ad Ivrea tutti in attesa della battaglia delle arance

di admin

battaglia delle aranceDopo aver parlato del Carnevale di Venezia e del Carnevale di Viareggio, era doveroso citare il terzo carnevale-evento d’Italia: il Carnevale di Ivrea. conosciuto in tutto il mondo per la spettacolare battaglia delle Arance questa festa in realtà è nata da una vera rivolta popolare. Lo spirito dello storico Carnevale vive nella rievocazione di un episodio di affrancamento dalla tirannide, che si fa risalire al medioevo: un barone che affamava la città venne scacciato grazie alla ribellione della figlia di un mugnaio che non volle sottostare allo jus primae noctis e che accese la rivolta popolare. In questa rievocazione il Carnevale si rinnova ogni anno come grande Festa Civica durante la quale la comunità di Ivrea celebra la propria capacità di autodeterminazione.

La battaglia delle arance

Il Carnevale di Ivrea, a differenza degli altri due si concentra principalmente in una giornata che quest’anno cade il 6 Marzo. Domenica quindi avrà luogo la famigerata Battaglia delle Arance, momento clou della kermesse. Il tradizionale getto delle arance affonda le sue radici intorno alla metà dell’ottocento. Ancor prima, e più precisamente nel Medioevo, erano i fagioli i protagonisti della battaglia.Si narra infatti che due volte all’anno il feudatario donasse una pignatta di fagioli alle famiglie povere e queste, per disprezzo, gettassero i fagioli per le strade. Gli stessi legumi erano anche utilizzati in tempo di carnevale, come scherzosi proiettili da lanciare addosso ad improvvisati avversari. Intorno agli anni trenta e sessanta del secolo scorso, insieme a coriandoli, confetti, lupini e fiori, le ragazze lanciavano dai balconi, mirando le carrozze del corteo carnevalesco, qualche arancia. I destinatari erano giovincelli dai quali le stesse ragazze volevano essere notate. Dalle carrozze si iniziò a rispondere scherzosamente a tono e, poco a poco, il gesto di omaggio si trasformò prima in duello, quindi in un vero e proprio testa a testa tra lanciatori dai balconi e lanciatori di strada. Solo dal secondo dopoguerra la battaglia assunse i connotati attuali seguendo regole ben precise.

Ancora oggi lo scontro si svolge nelle principali piazze della città, e vede impegnati equipaggi sul carro (simboleggianti le guardie del tiranno) contro le squadre degli aranceri a piedi i popolani ribelli) costituite da centinaia di tiratori.

Per maggiori informazioni sul programma dettagliato visitate il sito ufficiale del Carnevale di Ivrea.