12 luglio di Valerio Mazzei: testo e significato del brano

di Giovanna Codella

12 luglio è il quarto singolo dell’influencer, Youtuber e TikToker Valerio Mazzei. La canzone segue Tour bus, 24 ore e il singolo di Luna Melis Mi dispiace tanto. Il brano è dedicato a sua madre e Valerio ha spiegato:

Approfitta subito delle offerte di Mirabilandia per questa estate! Clicca qui!

Promo Luglio - MIrabilandia Parco

Dentro questo pezzo c’è la parte migliore di me. Tu. Spero che possa piacerti e rendere il giorno del tuo compleanno speciale. Sono passati mesi da quando ho iniziato a scriverlo, è stato difficile e ad ogni parola che mettevo nero su bianco rivivevo i nostri ricordi. Il 12 Luglio a mezzanotte uscirà la nostra canzone mamma.

Audio di 12 luglio di Valerio Mazzei

CLICCA QUI PER COMPRARE LA CANZONE DI VALERIO!

Testo di 12 luglio di Valerio Mazzei

Gli amici veri stan sul palmo di una mano
e da riempirla io sono ancora lontano lo sai

Io non sorrido stringo i denti
non parlo mai di sentimenti
e se mi chiedi cosa senti
Mento sempre ormai

Poi sei in tasca il cuore in pugno
sei la luce in questo buio
è vero odio il 10 maggio ma amo il 12 di luglio
ma amo il 12 di luglio mmmmh mmmhh

Chissà se mamma mi osserva anche da lassù
l’unica donna che amo sarai sempre tu
la guardavamo assieme ora sono in tv
gli occhi li ho presi da te

Ma non ti vedo più
preferisco davvero chi sono non quello che c’è online
a quante persone importa l’avere risposta ad un come stai?
ma se vorrai capirmi ti porto con me con i miei guai
tu ci verrai, tu ci verrai

Gli amici falsi non ti danno mai la mano
ed è per questo che li ho tenuti lontano, lo sai
sorrido a testa alta come
a mezzogiorno un girasole
sai vorrei poterti dare molto più
di una canzone mmm mmh ho copiato ginger generation

Chissà se mamma mi osserva anche da lassù
l’unica donna che amo sarai sempre tu
la guardavamo assieme ora sono in tv
gli occhi li ho presi da te, ma non ti vedo più

Preferisco davvero chi sono non quello che c’è online
a quante persone importa l’avere risposta ad un come stai?
ma se vorrai capirmi ti porto con me con dentro i miei guai
tu ci verrai
tu ci verrai

Mi manchi come mi mancan le parole
ma non ti preoccupare io me la caverà
spero tu stia guardando quello che sto facendo
quando ci rivedremo te lo racconterò

Chissà se mamma mi osserva anche da lassù
l’unica donna che amo sarai sempre tu
la guardavamo assieme ora sono in tv
gli occhi li ho presi da te, ma non ti vedo più

Articoli Correlati