Patente B: come imparare a guidare e superare l’esame

di admin
Patente B: come imparare a guidare e superare l’esame

Avete superato l’esame di teoria della patente Bb? Brave! Allora è arrivato il momento di passare anche l’esame di guida! Magari con l’aiuto delle guide in autoscuola.

Lezioni di guida

Per legge le lezioni di guida per la patente B durano mezzora e il costo varia in base alla scuola guida; per farvi un esempio, io acquistavo tesserini da cinque guide di mezz’ora l’una a 75 Euro.
Solitamente tutte, al momento dell’iscrizione, domandiamo all’istruttore la stessa cosa: “Quante guide devo fare per superare l’esame della patente b?”. In realtà il numero di guide varia molto da persona a persona, in base altuo livello di partenza, alla tua sicurezza o insicurezza al volante, alla tua capacità di mettere subito in pratica i consigli dell’istruttore e, perché no, anche alla sua bravura nel metterti a tuo agio. Insomma, di guide, se sei già brava al volante, te ne potrebbero bastare anche cinque (e sono indispensabili, perché l’esame richiede una precisione nella guida che non avremo mai guidando per conto nostro), ma il più delle volte potrebbero anche salire a quindici o anche venti.
Ciò che ti consigliamo è di non prendere appuntamento con l’istruttore in giorni troppo distanti tra loro: l’ideale sarebbe fare tre guide per settimana, in modo da non perdere l’esercizio.
Prove con papà: si o no?
Per quanto riguarda l’esercitarsi con altre macchine, per esempio quella di papà con lui al tuo fianco (perché ricorda che hai ancora solo il foglio rosa!), dipende molto da persona a persona e soprattutto dalla differenza che c’è tra l’auto della scuola guida e la “tua”: maggiore sarà, maggiore è la probabilità che esercitarti anche a casa autonomamente faccia più danni che benefici. E addio patente B …. 🙁
Capito tutto? Bene, allora prendi appuntamento e… si parte! Innanzitutto stai tranquilla perché l’istruttore è lì apposta per insegnarti a guidare e conosce perfettamente gli errori che potresti commettere, non sei certo più imbranata degli altri suoi allievi anche se a volte, da ciò che dice, potrebbe sembrarlo! E poi non ti farà di certo guidare subito in centro, ma partire da una zona più tranquilla dove non c’è il rischio di tamponare altre macchine o investire pedoni! Semplicemente, ascolta molto attentamente ciò che ti dice e rimani concentrata per poter applicare subito i suoi consigli: prima correggi gli errori meglio è e non rischi di commetterli per sempre!!!
 

METTERE IN MOTO

Prima di tutto schiaccia i pedali della frizione (piede sinistro) e del freno (piede destro), quindi togli il freno a mano e metti in folle la macchina. Accendila, metti in prima, lascia leggermente la frizione e sposta il piede destro dal freno all’acceleratore (senza schiacciare troppo!). Ora lascia lentamente il piede sinistro dalla frizione… sei partita! No? Non preoccuparti, perché all’inizio è un po’ difficile mettere in moto la macchina senza che si spenga subito, è questione di farci l’abitudine, soprattutto sui pedali.
 

GUIDARE

E ora che sai mettere in moto la macchina senza più farla spegnere? Leggi queste semplici indicazioni. E vedrai che supererai l’esame per la patente B senza problemi.
 
MARCE
Prima – per la partenza e le rotonde
Seconda – Velocità moderata, per svoltare
Terza – Velocità sostenuta (attenzione che va mantenuta, schiacciando l’acceleratore)
N. B. Stai attenta al rumore del motore per capire quando è necessario cambiare marcia!
PEDALI
Frizione – da schiacciare completamente in caso di forte frenata o mentre si cambia marcia; mai lasciarla troppo in fretta!
Freno – da schiacciare leggermente per frenare poco la macchina, come per esempio in discesa; completamente (ma non troppo bruscamente!) per fermare la macchina (assieme alla frizione in questo caso).
Acceleratore – Da schiacciare per aumentare la velocità, mai contemporaneamente alla frizione quando si cambia marcia.

ATTENZIONE:
·    Prima di mettere la freccia per svoltare a sinistra, guarda sempre nello specchietto per capire se qualcuno ti sta sorpassando ecc, non fare mai il contrario;
·    Prima di svoltare, prima metti la freccia e poi scala per rallentare, mai il contrario: gli altri autisti devono capire perché rallenti;
·    Stai attenta a non entrare in contromano in una strada, soprattutto passando sopra alla segnaletica dello stop: ti sembrerà un consiglio banale, ma invece questo è un errore molto più frequente di quanto tu possa immaginare, ed a rischio bocciatura;
·    Non staccare la mano dal volante per mettere la freccia: solo le dita;
·    Non guardare mai, nemmeno per pochi secondi, i pedali o la marcia o comunque l’interno della macchina: guarda sempre l’esterno per capire cosa succede e agire di conseguenza;
·    Ricordati di fermarti sempre alcuni secondi agli stop, mai farli “volanti”, anche se non vedi nessuna macchina intorno a te (potresti essere subito bocciata!); quando invece devi dare la precedenza è sufficiente rallentare;
·    Non mettere la freccia quando entri nelle rotonde: solo quella a destra quando esci;
·    Stai sempre molto attenta quando incontri strisce pedonali: se non fai passere i pedoni (ovviamente tranne quando hanno il semaforo rosso), l’esaminatore potrebbe subito bocciarti!
PARCHEGGIO
Accosta la macchina (segnalando con la freccia!) alla sinistra di un’altra (gli specchietti delle due auto devono essere paralleli), quindi spostati in retromarcia fino a quando il muso della tua macchina è a metà della portiera posteriore dell’altra. Gira tutto il volante verso destra e vai in retro fino a dove… devi capirlo tu con un po’ di esercizio! Quindi gira tutto il volante verso sinistra e sempre in retro sistema l’auto fin quando è parallela alla strada.
Metti in prima, gira il volante a destra in modo che le ruote siano dritte e porta la macchina più avanti, lasciando la giusta distanza da quella davanti, completando così il parcheggio.
 
INVERSIONE DI MARCIA
Accosta l’auto (segnalando con la freccia) alla destra della strada, quindi, guadando bene che non passi nessuno, gira tutto il volante a sinistra e, in prima, portati fin dove possibile contro l’altro lato della strada. Quindi, molto velocemente, metti la retro, gira il volante verso destra e arretra fin dove necessario; metti in prima, gira un po’ il volante e sinistra e parti!
FERMARSI
Un trucco per ricordarsi la differenza tra fermata e sosta:
Fermata – frizione e freno
Sosta – frizione, freno e spegni
AFFRONTARE L’ESAME
Come dice una canzone… ci vuole calma e sangue freddo! Vedrai che l’esaminatore (seduto dietro di te, mentre l’istruttore sarà alla tua destra) non sarà poi così cattivo, ti metterà a tuo agio e sarà pronto a capire i tuoi errori dati dall’agitazione.
L’importante, certo, è ascoltare bene tutto ciò che dice (anche se a volte magari non ti dice cosa fare con tanto anticipo, allora rimani pronta per qualsiasi sua decisione) e… con gentilezza ed educazione!!! Insomma, vedrai che l’esame ti sembrerà una semplice guida col tuo istruttore. E al termine… potrai subito firmare la tua patente B!!!
Leggi anche: I primi step per l’esame di teoria