The Crown 4 – Netflix recensione: Una stagione intensa e ricca di emozioni

di Elisa Baroni
the crown 4 diana netflix

La quarta stagione di The Crown è disponibile da oggi su Netflix (guarda il dietro le quinte qui). Dieci episodi ricchi di emozioni, tensioni familiari e crisi politiche ed esistenziali. Ecco una breve recensione 

The Crown 4 era molto attesa dal pubblico per l’arrivo di due nuovi e importanti personaggi: Diana (Emma Corrin) e Margaret Thatcher (Gillian Anderson).  Entrambe arricchiscono la trama che già conta forti figure femminili e hanno una psicologia interessante. Lady D offre l’occasione per raccontare i disturbi alimentari come la bulimia ancora non abbastanza dibattuti. La serie Netflix non cade in un banale racconto di un matrimonio infelice ma cerca di descriverne luci e ombre per capire la crisi e i modi in cui i reali hanno deciso di affrontarla. 

Margaret Thatcher rappresenta la trama politica e l’incontro scontro con la Regina e ciò che rappresenta. Da una parte la modernità e dall’altro la tradizione. La domanda che attraversa i dieci episodi è: la convivenza è possibile? La lady di ferro è poi un simbolo della donna lavoratrice che non rinuncia alla famiglia e vuole dimostrare quanto vale. Le conversazioni con la Regina (Olivia Colman) offrono spunti per riflessioni interessanti.

In The Crown 4 non mancano poi le tensioni familiari e la quotidianità dei reali che sono alla fine persone normali. Elisabetta e Filippo discutono della felicità o infelicità dei figli e si mettono in discussione. La principessa Margaret affronta una crisi esistenziali profonda. Ci sono episodi un po’ più leggeri come l’intrusione a corte di Michael Fagan o le battute di caccia a Balmoral. Insomma dieci episodi intensi e ricchi emozioni che toccano tematiche eterogenee e mai banali. 

E voi, avete già iniziato la quarta stagione di The Crown?

Articoli Correlati