Fasma parla dei testi delle canzoni di Io Sono Fasma (intervista!)

di Alberto Muraro
io sono fasma

Il prossimo 28 febbraio uscirà in tutti i negozi e nelle piattaforme di streaming Io sono Fasma, il nuovo album del rapper romano Fasma.

Del disco, anticipato dal singolo sanremese Per sentirmi vivo, ne abbiamo parlato proprio con il diretto interessato! Qualche giorno fa abbiamo fatto una bella chiacchierata con Fasma, che ci ha raccontato tutte le curiosità sull’album! Il disco, va sottolineato, non sarebbe stato possibile senzia l’aiuto di GG, Barak da Baby e il fidato manager Tommy: insieme, i ragazzi formano la WFK crew!

L’artista definisce la musica come un pennello che non ha regole, il microfono come una fotocamera con cui rievocare momenti passati e significativi della propria vita. E vi possiamo assicurare che scambiare due chiacchiere con lui dal vivo è un’esperienza incredibile, dalla quale si esce straniati ma allo stesso tempo illuminati!

In fondo all’articolo potete dunque recuperare la nostra chiacchierata con Fasma!

 

Ecco cosa vi aveva raccontato Fasma a Sanremo nel corso della sua intervista alla redazione di Ginger Generation!

Fasma spiega il significato del testo di Per sentirmi vivo e ci racconta chi è | Sanremo 2020

 

Ciao Tiberio! Come stai? Ti va di fare un bilancio dell’esperienza di Sanremo?

Penso sia stata un’esperienza bellissima che mi porterò dietro per tutta la vita, è stata anche inaspettata. Penso sia stato bello, appunto, che le persone mi abbiano fatto sentire vivo! Non mi sarei neanche mai immaginato  di andare a Sanremo. Almeno per quanto mi riguarda non ero abituato, la mia realtà è molto diversa. Viversi la musica in questa maniera è diverso, è una nuova idea di musica per me.

Il tuo disco ha un concept che già ci avevi anticipato a Sanremo. Perché dici che tutti noi siamo Fasma?

Fasma per me è un modo di essere. Non sto dicendo che voglio indottrinarti. Io ho il mio, tu hai il tuo, ma io non sono diverso da te. Essere Fasma è essere se stessi, è cercare di migliorarsi sempre, di portare avanti quello che si è, anche se il mondo cerca di piegarti.

fasma

Tutti i testi di queste canzoni sono dunque collegati?

Tutti i testi delle canzoni non sono collegati ad un concept, sono collegati a me stesso. Sono coerenti con quello che sono ogni giorno. Non ci sta una scelta messa a tavolino, non ho detto “Devo fare tutti pezzi che si legano”. Non è che abbiamo fatto 50 pezzi e poi li abbiamo scelti. Tutti questi pezzi sono stati fatti in momenti e giorni diversi. Ogni pezzo rappresenta al 100% me stesso. Il messaggio è legato a chi sono e a quello che viviamo ogni giorno, è un invito a vedere Fasma in modo impersonale e non collegandolo all’aspetto “fisico” di quello che sono io.

C’è un pezzo dove canti in francese, Lo faccio davvero. Mi ha incuriosito molto la cosa! Tu parli in francese quindi? Cosa ci puoi raccontare del pezzo?

Sì, io ho fatto la scuola italo-francese. GG mi ha convinto, avevo scritto una strofa, mi ha chiesto “Perché non la fai in francese?”. Io ci ho provato. E quando è uscita fuori ci siamo detti “Daje, c*zzo, è una bomba!“.  Per noi la musica nasce in modo molto naturale. Noi facciamo le cose automaticamente, senza penarci troppo. Sai, abbiamo la possibilità di esprimerci, facciamolo al massimo! Per me è stata una scommessa. Prendiamoci i rischi, non fermiamoci dove siamo. Per noi questo non è un traguardo, anzi è una voglia di continuare ogni giorno. Non ci sentiamo arrivati, anzi siamo appena partiti!

 

Fra i brani del disco ci saranno altri singoli? Hai già in mente qualcosa che ci puoi anticipare?

Per il momento top secret!

Hai fissato due live molto speciali. Cosa ci dobbiamo aspettare? Incontrerai i fan anche in altre occasioni?

Non sarà un’esibizione, sarà un momento da viverci insieme. Al 100%. Voglio che le persone vengano con la voglia di essere loro stessi, tirando fuori tutto quello che hanno dentro. Tutte le emozioni, dalla gioia, al dolore, a tutto quello che esprimo anche io nei mii pezzi. Per me è un momento dove non sono io che canto le tracce ma siamo noi che le cantiamo tutti insieme.

Ci sarà insomma tantissima improvvisazione al concerto?

Sarà realtà, sarà WFK. Voglio fare capire tutto quello che c’è dietro. Cercherò di parlare con le persone, voglio essere chi sono, il palco è il momento in cui mi sento me al 100%. Mi voglio divertire.

Secondo me Fasma qui va a finire, come minimo, che farai stage diving fra la folla!

Ma sicuramente! Mi aspetto di tutto, e mi aspetto niente. Voglio che arrivi tutta la realtà che viviamo ogni giorno. Ci sarà la mia famiglia, WFK. La cosa più importante per noi è creare empatia.

 

Quali sono stati i messaggi più belli che hai ricevuto dai fan? Riesci a leggerli e a vederli?

Prima di tutto noi non li chiamiamo fan. Io li chiamo “le persone che hanno capito”. Per me è importante creare un rapporto con loro che vada ai di là della musica. Loro hanno capito tutto,  vanno oltre. Sono le persone che mi chiedono di Tommy, che mi chiedono come sta, dov’è. Lui è il mio migliore amico, ma è anche il mio manager.

A Tommy hai dedicato anche un pezzo. Chi è? Qual è la sua storia?

Lui è il mio manager, ma è anche il mio miglior amico. Lui c’è stato, al mio fianco, fin dall’inizio. Siamo partiti io Tommy, Barak e GG. Perciò lui per me è WSK, parlare di Tommy è parlare di tutti. Noi abbiamo fatto di tutto per stare insieme e vincere insieme, il fatto che siamo insieme da sempre significa che tutti ce la possono fare. Hai presente quando ti dicono “Ma tu con gli amici cosa vuoi fare? Oh ma dove vuoi andare?”. Ecco questi luoghi comuni sono cose che ti dicono spesso ma se tu parti dalla tua realtà, prendendoti le tue responsabilità di quello che vuoi dare e quello che prendi, ad un certo punto riesci a vincere. Per me la vera vittoria non è stata essere a Sanremo e cantare un pezzo ma cantare il nostro pezzo, quello fatto con Gigi, con lui al pianoforte dietro. Non è il pezzo di per sé che è una vittoria, è come ci siamo arrivati. Nel 2020 dicono spesso alla nostra generazione che non ce la possiamo fare. Ma il mio messaggio a tutti i ragazzi all’ascolto è che se vogliono davvero qualcosa ce la possono fare!

Qui sotto trovate l’audio streaming Spotify di Per sentirmi vivo di Fasma!

Articoli Correlati