Michele Bravi: “Mantieni il bacio era il pezzo che avevo presentato per Sanremo 2020”

di Alberto Muraro
Michele Bravi

In una lunga e dolorosa intervista esclusiva concessa a Vanity Fair, Michele Bravi si è aperto come forse mai prima d’ora parlando dell’ultimo anno e mezzo. Nel corso della chiacchierata con Silvia Gianatti l’artista ha raccontato del suo periodo più buio, e di come ha cercato di uscirne.

michele bravi la geografia del buio

La storia di questo ritorno dalle tenebre, da una follia che avrebbe anche potuto rovinargli per sempre la vita e la carriera, è raccontata in La Geografia del Buio. Il prossimo 20 marzo, infatti, Michele tornerà con un nuovo progetto discografico. Al suo interno, fra le altre, troviamo anche un pezzo intitolato Mantieni il bacio. Il brano in questione era quello che il cantante avrebbe voluto presentare sul palco di Sanremo 2020. Purtroppo, però, Amadeus ha rifiutato il pezzo.

Ecco con quali parole Michele Bravi ha raccontato il suo pezzo, presentato alla commissione di Sanremo 2020:

Quando la tua mente va da un’altra parte, la tua unica consapevolezza è il tuo corpo. Mi sono aggrappato alla sensazione delle labbra sul viso. Ho trattenuto in un bacio tutto il male, tutta l’aderenza con il reale, come fosse un’ancora. Per me è stato importantissimo. E nei mesi in cui non mi orientavo più, usavo quel momento lì. Lo uso ancora oggi. Quella frase mi ha spiegato come rimanere qui. Parla di come la musica mi ha aiutato ad uscire dal silenzio, “Mantieni il bacio fa sentire addosso il dolore che ha provato, indicando la via della risalita“.

Riguardo all’esclusione del pezzo da Sanremo, Michele ha rivelato:

Probabilmente sarebbe stato più difficile farlo che non farlo. C’è un dispiacere personale, non professionale. Per me dire a qualcuno di mantenere il bacio è riassumere nella maniera più potente quello che mi è stato suggerito per mesi, la forma più sintetica della salvezza al dolore. Avrei solo voluto dire quella cosa, a tante persone.

Articoli Correlati