Vorrei dimenticarti di Samuele Fazzi e Jenesy: audio, testo e significato

di Giovanna Codella
vorrei dimenticarti

Da oggi, mercoledì 22 gennaio, è disponibile Vorrei dimenticarti, il singolo che vede per la prima volta la collaborazione dei giovanissimi e talentuosi Jenesy (Gianni Musella) e Samuele Fazzi. Il legame tra i due artisti nasce dalla partecipazione di entrambi al programma televisivo Il Collegio 4, il popolare docu-reality in onda su Rai 2, che li ha fatti incontrare e unire grazie alla passione comune per la musica.

Vorrei dimenticarti è un brano che racconta un amore ormai finito. Ma che continua ad essere onnipresente nella vita dei protagonisti rivelandosi, perciò, impossibile da dimenticare. Samuele e Jenesy raccontano lo struggimento del primo amore parlando senza filtri a tutti i giovani innamorati, ragazzi che interagiscono sui social e che discutono su WhatsApp. Il timbro profondo di Samuele e le melodie rap di Jenesy sono il manifesto di una generazione. I due parlano a nome di tutti i loro coetanei, chiarendo al mondo che non esiste un’età giusta o sbagliata per soffrire.

vorrei dimenticarti

 

 

 

 

 

 

 

Audio 

Testo

Ti aspetto qua sotto la pioggia
che bagna questi pensieri confusi
tra pozzanghere di lacrime taglienti
che la terra poi prosciugherà via
sappi che ucciderei chiunque
chiunque ti guardasse come ti ho guardata io
e come non farò mai più
perché il destino ci ha divisi ormai
e da lontano ci guardiamo con i pugni chiusi

RIT
Vorrei morire per dimenticarti
ma non sarebbe una soluzione
e per fare stare bene entrambi
basterebbe una distrazione
mi visualizzi ma non mi rispondi
e sai che piango sopra quell’online
spero diventi un sta scrivendo
ma tanto so che non mi scrivi mai

La mia vita è una farsa
una falsa partenza
una vita che passa
che scappa in tua assenza
o con te o con nessun altra
vivo la mia vita un film
dove il principe combatte per salvare la sua queen
ed eravamo troppo distanti e distratti
so che è una questione d’istanti
come gli scatti
e si vede da come mi guardi
che ormai non vuoi più fidarti di me

RIT
Vorrei morire per dimenticarti
ma non sarebbe una soluzione
e per fare stare bene entrambi
basterebbe una distrazione

Io ti dicevo che sbagliavi
ma sei testarda e non l’hai capito mai
e ancora una volta
tu mi hai urlato in faccia
di andare via da te

Cambiavi pagina dopo pagina
la mia vita con te altro che magica
e sento questa tristezza che mi contamina
perché hai giocato troppo
con le chiavi della mia anima

RIT
Vorrei morire per dimenticarti
ma non sarebbe una soluzione
e per fare stare bene entrambi
basterebbe una distrazione
mi visualizzi ma non mi rispondi
e sai che piango sopra quell’online
spero diventi un sta scrivendo
ma tanto so che non mi scrivi mai

Tra le mie braccia un po’ più fredde
non trovo altro che rimpianti
di due sorrisi un po’ sciupati
che ora piangono di noi, di noi, di noi
che ora piangono di noi

Cosa ne pensate di Vorrei dimenticarti di Samuele Fazzi e Jenesy?

Articoli Correlati