Università: il ministro Mussi contro i troppi corsi ad accesso limitato.

di admin

Neo maturati del 2007! Le vacanze sono finite e molti di voi si troveranno all’inizio di un percoso universitario. Pochi, invece,possono già considerarsi matricole a tutti gli effetti: molti avrano consegnato solo  una iscrizione ai test d’ammissione di settembre.
Ma se per corsi di laurea come medicina o veterinaria questa è  una prassi indicata dalla legge per altri corsi di laurea come scienze delle comunicazioni o psicologia è una novità degli ultimi anni dovuta all’affollamento di studenti, in questi corsi, ingestibile dalle università.


Gli studenti da tempo si lamentano per queste modalità d’accesso limitato che secondo loro minano il diritto allo studio, e sembra che il ministro dell’Università Fabio Mussi abbia ascoltato le loro proteste, infatti, in una lettera del 16 marzo 2007 ai rettori delle università italiane, chiede di controllare meglio gli accessi ai corsi di laurea, riducendo quelli meno frequentati e ampliando i più affollati. Affermando che: “Ogni limitazione al numero di accessi al di fuori delle fattispecie indicate per legge costruisce una ingiustificata limitazione del diritto allo studio garantito dall’articolo 34 della costituzione”.

Le modalità di selezione attraverso dei quiz attitudinali, in particolare per le materie umanistiche, sono molte volte ingiusti nei confronti di molti studenti, ritengo che una scelta sul futuro di molti giovani non si debba compiere attraverso un quiz modello patente. Le università però sono veramente super affollate e delle volte chi le frequenta sa che trovare un posto dove sedersi a lezione è spesso un’impresa impossibile, per questo sarebbe meglio attuare un accesso programmato regolato sul voto di maturità. Questo sistema premierebbe così chi si è sempre impegnato nello studio e potrebbe servire da incentivo per molti studenti, alcune università come la Cattolica lo utilizzano già da diversi anni per alcuni corsi di laurea.

Le pagine web di molti atenei, come la statale di Milano o l’Università di Pavia mettono in rete delle prove on- line di anni passati su cui esercitarsi.
A Milano gli studenti di medicina oltre ad organizzare questi incontri preparatori per le future matricole hanno creato un sito internet per rispondere a tutte le vostre domande. (www.medicinastudenti/prepost.it).

Articoli Correlati