La mia vita a Londra: come diventare una au pair a Londra

di Martina Renna

Quante di voi, magari dopo la maturità oppure la laurea, hanno pensato di fare una breve esperienza all’estero come au pair? Magari proprio a Londra, una città tanto vicina quanto inaccessibile allo stesso tempo? Bene, se siete curiose di avere qualche dritta e consiglio sulla vita da ragazza alla pari, questo è l’articolo che fa per voi!

 

Innanzitutto: chi è la ragazza alla pari? Le au pair sono delle giovani ragazze (non è raro, però, trovare anche dei ragazzi fare questo lavoro) di età compresa fra i 18 e i 30 anni che, per un periodo di tempo limitato, decidono di fare un’esperienza in un paese estero, ospiti di una host family. Tali famiglie, specialmente in Regno Unito, sono quasi sempre composte da una giovane coppia di genitori lavoratori e due o tre bambiniL, di cui le au pair si devono occupare.

 

Cosa fa esattamente la ragazza alla pari? La au pair si occupa di accompagnare e andare a prendere i bambini da scuola, giocare con loro durante il pomeriggio, accompagnarli alle varie attività pomeridiane. In cambio, la host family offre alla ragazza alla pari vitto e alloggio, nonché una paga settimanale per le sue spese personali.

Un bel modo per approfondire la conoscenza di una lingua e per conoscere una nuova città!

Ma come si fa esattamente a diventare una au pair a Londra?

 

1. Iscriviti ad un sito internet affidabile!

Il modo più sicuro ed affidabile per trovare una host family conforme ai tuoi bisogni, è iscriversi al sito internet Au Pair World: su questa piattaforma totalmente gratuita le au pair e le famiglie possono conoscersi ed interagire in privato! Ti basterà creare il tuo profilo con fotografie, informazioni su di te e quello che cerchi nella famiglia ospitante. Sul tuo profilo personale potrai inoltre selezionare il paese che più ti piacerebbe visitare. Come meta, Londra è molto richiesta. Dipenderà dunque da te costruire un profilo convincente e caloroso per attirare l’attenzione di più famiglie possibili!

 

2. Scegli la famiglia giusta

Ti potrà capitare di ricevere proposte da più famiglie, sopratutto se il tuo profilo sarà ben dettagliato e allettante. A quel punto, sarai tu a dover scegliere la famiglia più adatta a te! Piccolo consiglio: non scegliere in base a chi offre una paga più alta, oppure alla vicinanza al centro della città. Fidati piuttosto del tuo sesto senso; quale famiglia ti ispira più fiducia e simpatia? Il lato umano dell’esperienza da ragazza alla pari è il più importante, soprattutto se hai intenzione di spendere un periodo medio/lungo con la tua host family. Spesso le famiglie richiedono alle au pair di fare una o più videochiamate (quasi delle vere e proprie interviews): sfrutta questi momenti per creare un rapporto con loro, per chiedere tutte le informazioni possibili senza avere paura. Chiarire tutti i punti della convivenza e del lavoro prima di partire è fondamentale per non avere spiacevoli sorprese dopo.

 

3. Fai le valigie!

Sei ufficialmente diventata una au pair! Fai le valigie, prendi il passaporto e vola verso Londra! La capitale inglese è una città meravigliosa, ma non è sicuramente una passeggiata per delle ragazze straniere inesperte e senza alcun contatto. Nel prossimo articolo cercherò di darvi qualche consiglio su come muovervi nella bellissima Londra, soprattutto nel periodo post Brexit.

 

E tu, hai mai sognato di diventare una au pair?

Articoli Correlati