We Are Who We Are: l’adolescenza secondo Luca Guadagnino recensione

di Federica Marcucci
we are who we are

Parole, silenzi, suoni, musica. Tanta musica. Qui e ora. We Are Who We Are di Luca Guadagnino è un affresco in otto capitoli che esplora le relazioni umane in tutte le sue forme, illuminando l’adolescenza di quella luce incerta ma non per questa meno brillante.

I protagonisti della storia di Guadagnino vivono nella dimensione corale di una base USA in Italia. Un “non luogo” poco lontano da Venezia, ma in cui tutto è costruito per ricordare loro una patria che forse non hanno mai visto. Una metafora delle contraddizioni degli USA, della società contemporanea stessa e ovviamente di quelle degli adulti: spesso più immaturi e incerti dei loro figli.

Tanti sono i personaggi di We Are Who Are, ma la serie è la storia di Caitlin e Fraser. Anime gemelle speculari che si trovano per perdersi e per ritrovarsi ancora, in nome di un sentimento che non ha bisogno di avere nome. Qualcosa che – forse, è legato a doppio filo alla necessità di scoprire chi si è veramente.

Ed è questo quello che è We Are Who We Are: un’esplorazione dell’umanità di ognuno di noi, dei nostri sentimenti, della nostra essenza. Spesso non priva di contraddizioni, ma per questo così speciale e unica.

we are who we are

Dopo il successo internazionale di Chiamami col tuo nome, Luca Guadagnino torna a parlare d’amore e di adolescenza con uno sguardo nuovo, internazionale ma profondamente italiano. Interessante è che ai paesaggi nostrani il regista accompagni spesso musica black; Blood Orange non a caso è l’artista leitmotiv dell’intera sera.

Lo stesso in nome del quale c’è un cambiamento di paesaggio (dagli anonimi dintorni della base a Bologna): in nome del suo concerto spazio e tempo si modificano completamente e inesorabilmente, facendo collimare culture, amori, passioni, città.

Bologna nella nebbia, la corsa dei protagonisti, Prince che canta The Love We Make.

Avete già finito di guardare We Are Who We Are?

Articoli Correlati