Summertime – Netflix: Recensione del primo episodio

di Elisa Baroni
Summertime netflix

Da oggi è disponibile su Netflix un nuovo teen drama italiano: Summertime, liberamente ispirato a Tre metri sopra al cielo (guarda il trailer). Abbiamo iniziato la visione ed ecco una breve recensione del primo episodio.

Guarda la nostra intervista ai protagonisti di Summertime:

Summertime - Netflix: Intervista a Ludovico Tersigni e Coco Rebecca Edogamhe

Il primo episodio come sempre all’inizio di una nuova serie serve per attirare l’attenzione, presentare i personaggi e la storia. Summertime segue queste linee e cerca di dare un quadro di come sarà la trama. Conosciamo quelli che saranno i personaggi principale: Ale (Ludovico Tersigni) e Summer. Il primo è un pilota di moto3 che non corre più dopo un incidente e la seconda una ragazza con una famiglia incasinata che vuole solo scappare da dove abita e odia l’estate. 

Intorno a loro ci sono diversi personaggi che fanno parte della loro vita. Scopriamo che Summer ha una madre un po’ assente ma tenera, un padre trombettista che le ha trasmesso l’amore per la musica e una sorellina minore con pochi amici e scarsa autostima. Summer ha poi due migliori amici Edo e Sofia. Ale è circondato da amici ma il più importante è Dario che lo ha seguito da Roma sperando di diventare il suo meccanico. Il rapporto con il padre è conflittuale. 

La versione Netflix di Tre metri sopra al cielo è ambientata in una cittadina romagnola. Gli eventi iniziano alla fine della scuola quando i turisti arrivano, gli amori passeggeri sono all’ordine del giorno, si cercano lavoretti stagionali e la spiaggia è a nuova casa. Il primo episodio non ci ha particolarmente entusiasmato ma un libro non si giudica dalla copertina e la continueremo. 

E voi, avete iniziato Summertime su Netflix?

Articoli Correlati