Mario Draghi annuncia il prolungamento dell’anno scolastico 2021 a luglio?

di Alberto Muraro

Ma è vero che dovremo andare a scuola fino a luglio 2021? La risposta a questa domanda, per il momento, non esister. O perlomeno non esiste una risposta chiara e definitiva. Eppure, in base a quanto riportato da Ansa, questa sarebbe (il condizionale è d’obbligo) la direzione del neo premier Mario Draghi. Ma cerchiamo di capirne qualcosa in più!

L’anno scolastico sarà prolungato fino a luglio 2021? Ecco la presunta proposta di Mario Draghi

Una delle infinite nuove responsabilità che il nuovo premier si è dovuto accollare è stata quella di decidere come gestire la delicata situazione delle scuole.

British School Italia – Esperienza, Professionalità, Percorsi su Misura

Milioni di studenti non hanno infatti avuto accesso alla didattica in presenza per mesi, nemmeno nell’anno scolastico 2020/2021 dove ci si augurava che qualcosa sarebbe potuto cambiare. Si ritorna dunque qui ad un dibattito che prosegue ormai da diverso tempo, riguardo all’effettiva validità della DAD.

Cerca il tuo viaggio economico in autobus con Flixbus.it

Per adesso non ci sono conferme di sorta a riguardo ma sembrerebbe che Mario Draghi sia indirizzato a chiedere alle scuole un prolungamento delle lezioni.

Scopri tutte le offerte su LaFeltrinelli.it

mario draghi

Ecco cosa leggiamo su Ansa:

l futuro governo dovrà “rimodulare il calendario scolastico” dell’anno in corso, per recuperare i “numerosi giorni persi” E’ quanto avrebbe detto il presidente incaricato Mario Draghi ai gruppi parlamentari finora incontrati.

Curiosamente, questa opzione era stata proposta anche dal Ministro Lucia Azzolina, senza però aver ricevuto interesse o riscontro reale.

Quanto tutto questo sia fattibile è ancora da vedere. Non è per esempio chiaro se anche le scuole primarie e medie dovranno seguire le lezioni fino a fine giugno/i primi di luglio. E anche se così fosse sarebbe necessario prendere decisioni immediate e concrete riguardo, giusto per fare un esempio, l’organizzazione dei trasporti. Staremo a vedere.

Articoli Correlati