Così si impara la matematica

di admin

Avete presente le lezioni di matematica della prof. basate sull’uso di oggetti concreti, tipo palline, mele, caramelle, per agevolare l’apprendimento dei concetti astratti? A quanto pare sono meno efficaci rispetto al metodo che punta invece a far memorizzare direttamente le formule con i numeri e i simboli.

L’esperimento
Un esperimento realizzato alla Ohio State University di New York ha svelato infatti che il sistema classico di insegnamento delle formule matematiche, comunemente utilizzato nelle scuole, non agevola l’apprendimento della materia.

Gli esperimenti della della Ohio State University, condotti con studenti delle scuole superiori, si sono così svolti: i ricercatori, indossati i panni degli insegnanti, hanno semplicemente spiegato ai ragazzi, divisi in gruppi, un sistema matematico a loro sconosciuto (essenzialmente una serie di regole) attraverso due approcci diversi. Uno astratto, insegnando le nuove regole con simboli puri, e uno concreto, usando liquidi e palline da tennis.

I risultati
Il gruppo che ha appreso più velocemente è stato quello che aveva fronteggiato il nuovo concetto matematico astratto tramite il sistema di insegnamento astratto a sua volta.

Questo accadrebbe perchè, attraverso gli esempi concreti, «si tende a ricordare la superficie», cioè assimiliamo l’immagine specifica di caramelle e mele, ma non la matematica che vi sta sotto.

Presto i test saranno applicati anche alle scuole primarie, dove l’uso di immagini di oggetti concreti è ancora usatissimo.

Immagini:
1: www.flickr.com
2 (copertina): www.flickr.com

Articoli Correlati