Back to school 2020: come scrivere un tema su quarantena e Coronavirus

di Alberto Muraro
sergio mattarella

Il 14 settembre riapriranno le scuole italiane. Certo non proprio tutte, considerati i calendari che ogni singolo istituto e ogni singola regione ha deciso di attivare. Qualunque sarà la data di ritorno in aula, si tratta di un momento storico e molto importante per tutti gli studenti. Sarà questa la prima occasione, dopo mesi di lockdown, dove gli studenti potranno rivedersi fra di loro e con i loro docenti. Docenti che, di certo, approfitteranno dell’occasione per discutere di tutto quello che è successo nell’ultimo anno con il Coronavirus.

 

Già, perché diamo proprio per scontato che i prof, soprattutto quelli di italiano, vi chiederanno prima o poi di tirare le somme di quarantena e pandemia. Ci sono infatti alte probabilità che vi verrà chiesto di scrivere, come minimo, un tema sull’argomento.

Ma come affrontare il tema del Coronavirus e della pandemia in un tema nella maniera migliore? Ecco alcuni consigli!

Tutti i consigli per scrivere un tema sul Coronavirus

 

coronavirus

Partiamo da un presupposto: un buon tema deve essere originale, scritto un italiano impeccabile (no agli orrori di ortografia!) e deve essere coerente alla traccia proposta. Attenzione infatti a non andare fuori tema e a creare un’introduzione, uno svolgimento e una conclusione ben collegati.

Parlare della propria esperienza personale, dei propri sentimenti (anche più intimi) è di certo una buona idea. Tutti sappiamo quali sono le emozioni che il mondo intero ha vissuto, ma può essere che raccontare le vostre sia di estremo interesse per il docente. Il punto di vista personale crea infatti un’atmosfera che nessun altro punto di vista è in grado di fornire.

Clicca qui per acquistare Spillover!

 

In secondo luogo è importante prepararsi anche con le giuste fonti. Citando per esempio i libri che già parlano di epidemie (cliccate qui per acquistare i migliori!) è un’ottima idea. Farete un figurone con i vostri docenti, vi dimostrete preparati e sul pezzo. Non è necessario essere super tecnici, i dati non interessano a nessuno! Cercate però di mettere in luce la vostra esperienza con il vissuto di altri artisti, scrittori, poeti, registi e chi più ne ha più ne metta.

In ultimo, non cercate i pietismi ed evitare i cliché. Raccontate la vostra esperienza nel modo più naturale possibile e, se riuscite, cercate di concludere il tema traendo spunti per il futuro. Il Coronavirus ci ha cambiati tutti quanti, ma non è detto che sia accaduto in negativo. Pensate agli effetti che questa emergenza ha avuto su di voi e proponete nel vostro tema le lezioni che avete imparato. E che vi porterete dietro per il resto della vita!

Articoli Correlati