RIKI: audio, testo e significato di Idee di noi da POPCLUB

di Giovanna Codella
POPCLUB RIKI

Venerdì 4 settembre esce POPCLUB, il nuovo atteso album di inediti di RIKI, cantautore da milioni di follower che ha conquistato l’Italia e l’America Latina.

Da venerdì 4 settembre, inoltre, entra in rotazione radiofonica Litighiamo, il nuovo singolo estratto dal disco. Scritto da Riki e Riccardo Scirè, che ne ha curato anche la produzione artistica, POPCLUB è un album dalle sonorità pop ed elettroniche.

Il disco è composto da 11 tracce, tra cui il brano Lo sappiamo entrambi, presentato al 70° Festival di Sanremo e il singolo Gossip.

I brani alternano tematiche intime e personali a riflessioni sul mondo esterno (un esempio è Petali e vocoder che chiude l’album: un recitato che vuole sensibilizzare sul tema del cambiamento climatico e dell’impatto dell’uomo sulla natura).

Ecco il significato di Idee di noi: In “Idee di noi” ritroviamo un ponte con il sound dei dischi precedenti. È una romantica ballata d’amore, piena di fotografie e immagini di vita di coppia (Le sveglie sul cellulare, un libro da incominciare, un’altra spesa da fare… però vai tu!.

Riki, audio di Idee di noi

 

Riki, testo di Idee di noi

CLICCA QUI PER COMPRARE POPCLUB!

 

Tu che ti svegli tardi sempre dalla mia parte
Le labbra screpolate e palpebre ancora stanche
Le sveglie sul cellulare un libro da incominciare
Un’altra spesa da fare però vai tu

Se andiamo fino in fondo dopo dove ti porto
E se non vuoi più uscire cosa prendo d’asporto
Io che mi vesto male tu che ti stai a truccare
Che come sempre mi sembri sempre uguale

E noi che canti a squarciagola gambe fuori in macchina
Gli stessi pezzi in radio e il finestrino giù a metà
Io che invento e che non so le parole
Tu che vuoi dare sempre un senso alle cose
Fuori i saldi e mi fai “vuoi tornare di già?”
E me lo chiedi?

Lanciati sull’A4 scegli la direzione
E non sai ancora usare il cambio con la frizione
Ma faccio io guidami vai dritto e svolta qui
Mi gridi fidati era di là

E so di chi è la felpa e quel giubbotto che hai addosso
Che provi i miei vestiti e che lo fai di nascosto
Io che mi vesto male tu che ti stai a truccare
Che come sempre mi sembri sempre uguale
E noi che canti a squarciagola gambe fuori in macchina
Gli stessi pezzi in radio e il finestrino giù a metà
Io che invento e che non so le parole
Tu che vuoi dare sempre un senso alle cose
Fuori i saldi e mi fai vuoi tornare di già
E me lo chiedi?
E tutto quanto mi sembra astratto
Mi toglie il fiato sai ti ho scritto qui
Le mie idee di noi

Con i tuoi movimenti
Resti assorta nei tuoi discorsi e vai
Sorridi non ti accorgi di quello che succede intorno
Ah già tu sei di più

E noi che canti a squarciagola gambe fuori in macchina
Gli stessi pezzi in radio e il finestrino giù a metà
Io che invento e che non so le parole
Tu che vuoi dare sempre un senso alle cose
Fuori i saldi e mi fai vuoi tornare di già
E me lo chiedi?
E tutto quanto mi sembra astratto
Mi toglie il fiato sai ti ho scritto qui
Le mie idee di noi

 

Articoli Correlati