Scopri i migliori pennelli per trucco Real Techniques

di Laura Boni
pennelli Real Techniques

L’inverno potrebbe non sembrarci la stagione giusta per brillare: il cielo troppo smunto, la pelle troppo chiara, lo smog che raggiunge, nelle città, livelli davvero troppo alti. Questi e mille altri fattori ci potrebbero mettere in ginocchio e non darci la necessaria energia per affrontare la stagione con il giusto spirito. Pensiamo però che potremmo avere dei validi alleati per il nostro trucco: prodotti che potrebbero farci sentire decisamente meglio, più radiose e più grintose, fondotinta speciali e fard e terre in grado di farci splendere di salute anche a temperature improponibili.

Nelle prossime righe, però, vogliamo affrontare con voi alcune questioni che riguardano la tecnica di stesura di questi prodotti: ogni texture ha il suo pennello, ogni prodotto la sua tecnica di applicazione. Meglio sarebbe conoscerle tutte per non rischiare di applicare i nostri costosi prodotti nel modo sbagliato, senza dar loro la possibilità di lavorare al meglio per noi e per la nostra immagine.

REAL TECHNIQUES: A OGNI PRODOTTO IL SUO PENNELLO

Materiali hi-tech e forme innovative: questi i segreti del marchio di cui vi parliamo, Real Techniques. Partiamo dalla differenza che corre tra i pennelli per il trucco degli occhi e quelli per il trucco del viso: i primi sono più piccoli e sottili, fatti in setole morbide, preferibilmente dalla forma arrotondata; per esempio, per ottenere dei perfetti “smooky eyes” avrete bisogno di più pennelli arrotondati, uno per colore (no, per lo smooky eye non basta un colore solo, ne serviranno almeno tre per ottenere un risultato perfetto e tridimensionale!) e un movimento da-destra-a-sinistra e ritorno per la sfumatura con questi morbidi pennelli. Per quanto riguarda invece la sfumatura del fondotinta sul viso, ricordiamo che le setole, rispetto a un pennello per cipria, ad esempio, dovranno essere un po’ più corte, per dare il giusto supporto alla forza che serve per spalmare un fondotinta in crema.

Differente sarà lo strumento che dovremo adottare per procedere con la tecnica del contouring, ormai imprescindibile in qualsiasi seduta di trucco che si rispetti: parliamo della modifica dei tratti del viso (o della loro semplice sottolineatura) ottenuta attraverso due colori di polvere, una per la zona che sta sotto agli zigomi, i lati del naso e la parte alta della fronte, l’altra di un colore molto più chiaro, da applicare sotto agli occhi e sul dorso del naso. Per tutti questi gesti sono necessari dei pennelli morbidi ma dal taglio un po’ particolare: parliamo di un taglio angolare, adatto a sottolineare e a sfumare la polvere sotto i nostri zigomi e nelle parti più strette attorno al naso.

Come abbiamo visto, ogni prodotto ha bisogno del suo pennello: sbagliare questo passo potrebbe compromettere il nostro make-up, non facendoci ottenere ciò che desideriamo. La texture del prodotto è decisiva: per le polveri serviranno setole più lunghe, mentre per le creme avremo bisogno di setole più corte e dure. Questi i fondamentali da mandare a memoria.
Attenzione anche alla qualità: se risparmieremo sui prodotti, ecco che avremo pennelli pronti da buttare in breve tempo!

Articoli Correlati