Lea Michele: Ariana Grande e Keke Palmer di Scream Queens non la seguono più sui social

di Roberta Marciano
lea michele ariana grande

Anche le sue colleghe di Scream Queens prendono le distanze di Lea Michele, dopo che è stata accusata di razzismo da un’ex collega di Glee, Samantha Wave. Ariana Grande e Keke Palmer, infatti, non seguirebbero più l’attrice dopo quanto successo in questi giorni.

Ari si è impegnata tantissimo per il movimento #BlackLivesMatters e ha anche partecipato a una delle parate che si sono svolte nella città di Los Angeles. Anche Keke si è battuta tantissimo e lo ha sempre fatto per i diritti della gente imponendosi molto nello showbusiness come voce forte e rappresentativa di una donna di colore. In un momento in cui si parlava tanto di una possibile reunion proprio del cast di Scream Queens, sembra che però tra le attrici non corra poi così tanto buon sangue, dopo le ultime voci che circolano sul conto di Lea. Emma Roberts, che è invece una delle più care amiche anche nella vita reale non ha commentato la vicenda.

Mentre l’attrice che in Glee interpretava Rachel Berry si è scusata per aver causato dolore a Sammie o ad altre persone, non ha inteso il tutto come una forma di razzismo ma come una suo essere eccessivamente una “mean girl” nei confronti degli attori che hanno lavorato con lei.

Nessuno al momento sembra però aver preso le parti di Lea in questa lunga diatriba e anche gli amici a lei più vicini come Darren Criss e Jonathan Groff sembrano mantenere il riserbo, forse per paura di ripercussioni su un tema che è sicuramente delicatissimo.

Le accuse alla cantante di Cannonball di essere una diva sul set non sono nuove ma quelle di razzismo arrivano un po’ come un fulmine a ciel sereno. Ci auguriamo che sia solo un malinteso e che la situazione si possa risolvere nel migliore dei modi.

Articoli Correlati