BTS – significato del video di Life Goes On: quarantena, messaggi segreti e nostalgia delle ARMY

di Laura Boni
BTS Life goes on

Di cosa parla il video di Life Goes On? I BTS hanno pubblicato il loro nuovo disco BE che all’interno contiene anche il nuovo singolo Life Goes On (scopri la traduzione qui), di cui hanno appena pubblicato il video ufficiale. Il nuovo lavoro della band sudcoreana è un disco nato in quarantena e pare che i 7 membri abbiano deciso di affrontare questa tematica anche nel video che accompagna l’uscita del singolo.

Compra QUI il disco!

Nel video Life Goes On i BTS ci lasciano entrare nella loro quotidianità e ci permettono di vivere cosa è stata per loro la quarantena e convivere con la pandemia da Covid-19 che ha colpito il mondo intero. Possiamo infatti vedere V, Jungkook, Jimin, Suga, Jin, RM e J-Hope a casa in pigiama mentre giovano ai videogame, mangiano la pizza e contemplano il mondo fuori dalla loro finestra.

Scopri qui tutti i testi e le traduzioni di Be!

Guarda il video ufficiale di Life Goes On dei BTS:

BTS (방탄소년단) 'Life Goes On' Official MV

Tra le scene più evocative, però, c’è quella in cui riguardano dei video del passato e di quando potevamo uscire liberamente; durante il video dei BTS, poi, vediamo V girare in macchina per Seoul e passare davanti allo stadio Jamsil, ovvero la sede dell’ultimo concerto della band prima del lockdown.

Con queste immagini i BTS sembrano voler far capire ai fan che sentono molto la loro mancanza, che hanno nostalgia del palco e dei momenti passati insieme.

Jin pronto per partire per il militare?

In una delle ultime scene del video di Life Goes On in BTS sono ancora in auto e vediamo Jin voltarsi in modo nostalgico per guardare i suoi compagni di avventura e molte Army hanno dato un significato molto profondo a questo gesto. Secondo i fan, infatti, questo potrebbe farci capire che il cantante sarebbe pronto ad andare a fare il militare e quindi a lasciare (forse momentaneamente) la band e il suo sguardo indica la “vita che va avanti”, ma senza dimenticare il passato.

In Corea del Sud, infatti, il servizio militare è obbligatorio per tutti gli uomini, non sono previste alternative per gli obiettori di coscienza, se non la reclusione, e i BTS non sono riusciti a rientrare tra coloro che sono esonerati da questo obbligo; prima o poi tutti dovranno allontanarsi dalla band per 21 mesi e sembra proprio che il momento potrebbe essere arrivato più grande, ovvero, Jin.

Articoli Correlati