Diabolik: il primo teaser trailer con Luca Marinelli e Miriam Leone

di Federica Marcucci

Finalmente eccolo: è uscito l’atteso teaser di Diabolik, film dei Manetti Bros che arriverà nei cinema il prossimo 31 dicembre. Interpretato da Luca Marinelli, Miriam Leone e Valerio Mastandrea, il film è ispirato al celebre fumetto creato negli anni ’60 dalle sorelle Giussani.

Guarda il trailer del film

Diabolik - Il primo teaser trailer del film con Luca Marinelli e Miriam Leone

Nelle prime sequenze in anteprima sembra che i Manetti Bros non abbiano optato per una rivisitazione di Diabolik, ma per un adattamento molto fedele del fumetto. Perlomeno, la mitica Jaguar e gli accessori anni ’60 lasciamo presagire proprio questo. Una controtendenza vista la crescente necessità di voler rimodernare tutto che viene da oltreoceano.

Diabolik sarà un cinecomic tutto italiano che si prepara a guadagnare le sale (speriamo) con fiducia. Una prova concreta più che mai che le sale non dovrebbero contare solo sui titoli esteri, ma anche e soprattutto sulla valorizzazione di quelli di casa nostra.

Il film

Il film è scritto dai Manetti Bros. insieme a Michelangelo la Neve. Diabolik è una produzione Mompracem con Rai Cinema, prodotto da Carlo Macchitella e Manetti Bros. Uscirà nelle sale cinematografiche nel 2020: restiamo in attesa di ulteriori dettagli.

Diabolik è stato pubblicato per la prima volta nel 1962 e vanta il primato di essere stato il primo fumetto nero tascabile di produzione italiana. Ispirato a un fatto di cronaca nera, il fumetto narra le rocambolesche vicende di Diabolik ladro imperturbabile sempre braccato dalla sua nemesi, l’ispettore Ginko. A fianco al Re del Terrore, la bellissima e impavida Eva Kant, sua fidanzata e unico suo punto debole.

Il fumetto delle sorelle Giussani era stato già portato sullo schermo nel 1968 quando, sull’onda del successo iniziale, il regista Mario Bava ne diresse un adattamento. Negli anni 2000 il criminale fu invece protagonista di un’omonima serie d’animazione prodotta in collaborazione tra Italia, Francia e Stati Uniti; quest’ultima si discostava non poco dal fumetto, dovendo adattare le avventure di Diabolik per un pubblico più giovane.

Articoli Correlati