Cobra Kai 4: la serie non finirà con la quarta stagione

di Giovanna Codella
cobra kai 4

Ottime notizie riguardo Cobra Kai 4, sequel della celebre saga The Karate Kid che è approdato su Netflix a partire dalla terza stagione. Non solo è previsto un quarto capitolo ma il finale della storia, già configurato dagli autori, si verificherà molto più avanti.

Questo significa che la serie non rimarrà in sospeso, come purtroppo spesso accade, e che ci sono buone possibilità di avere altre stagioni oltre a una quarta.

L’ideatore Josh Heald ha commentato il finale della terza stagione di Cobra Kai, soffermandosi sull’inaspettata alleanza tra i due protagonisti Daniel e Johnny (fonte everyeye.it).

I due eterni rivali hanno scoperto infatti di essere più simili di quanto pensassero e si ritrovano ora uniti nel contrastare la minaccia rappresentata dal temibile John Kreese e dai suoi adepti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cobra Kai (@cobrakaiseries)

Abbiamo sempre saputo che sarebbe successo, e pensavamo che questo fosse il momento giusto per farlo accadere, senza però dimenticarci chi sono questi personaggi. Entrambi hanno una personalità molto forte e dei loro ideali, filosofie e trascorsi. Sembra che ci troviamo di fronte ad una battaglia, una serie di circostanze che li hanno portati a questo momento, ma il tempo ci dirà se la storia è destinata a ripetersi e se ricadranno nelle vecchie abitudini, o se saranno in grado di resistere e aiutarsi l’un l’altro per formare una partnership.

Riguardo il futuro della serie, Josh Heald ha confermato di voler proseguire ben oltre il prossimo capitolo, Cobra Kai 4.

Abbiamo un finale nelle nostre teste. Lo abbiamo già da diverso tempo, e non è nella stagione 4. È molto oltre. Nelle nostre teste esistono le storie di stagioni che è necessario raccontare prima di arrivare a quel finale. Questa sarà una discussione che avremo con i nostri partner di Netflix in futuro. Possiamo scrivere fino a quel finale? Possiamo essere sicuri che ci arriveremo? Non è sempre il caso della televisione e lo rispettiamo. Per ora, stiamo continuando a scrivere con la stessa velocità e lo stesso ritmo di quando abbiamo intrapreso questo percorso.